martedì, settembre 18, 2018
Home > Italia > Un’occhiata ai nostri periodici

Un’occhiata ai nostri periodici

copertina-messaggero_ottobre2015-228x315Il Messaggero Avventista
Il numero di ottobre della rivista contiene ancora uno speciale sull’Assemblea Mondiale della Chiesa Cristiana Avventista del Settimo Giorno, che si è svolta a luglio a San Antonio in Texas. Un primo resoconto si trovava già nel numero di settembre.

Nel suo editoriale, il direttore prende spunto dalla “Festa dei nonni” per parlare di conflitto intergenerazionale e di possibili soluzioni.

“Reclusi per paura. Prigionieri della propria mente” è l’articolo del past. Davide Mozzato, che attraverso il racconto di una vicenda reale pubblicata dai giornali, porta il lettore a riflettere sulla prigionia della mente al giorno d’oggi.

Roberta Vittori parla di “Mens sana in corpore sano. Una tavola rotonda tra varie religioni per parlare di cibo”, l’evento che si è svolto a Milano.

“Posizioni statiche o dinamiche? Il coraggio di cambiare”, è l’articolo del pastore emerito Paolo Tramuto, in cui l’autore invita a trovare nuovi percorsi e nuovi linguaggi nell’ambito della comunicazione del Vangelo.

Nell’inserto staccabile di questo mese: “Dio, il più famoso sconosciuto”, del past. Samuele Barletta; “Una visione bestiale. Il lato oscuro della chiesa”, su una profezia del libro biblico di Daniele, e “Leo leone. La scelta giusta non è sempre la più facile”, storia per bambini; “Una solida fortezza. La fede cantata di Martin Lutero”, di Silvia Vadi.

Radio Voce della Speranza (RVS) di Roma ha rivolto alcune domande al past. Saverio Scuccimarri, direttore del Messaggero Avventista. per ascoltare l’intervista cliccare qui.

 

 

SdS_Geremia-236x315Nuovo trimestre della guida allo studio personale e in gruppo
Con ottobre è iniziato il quarto e ultimo trimestre dell’anno in cui è suddivisa la “Guida allo studio personale della Bibbia e alla condivisione in gruppo” (Scuola del Sabato), tradotta e pubblicata in Italia dalle Edizioni ADV. Il nuovo argomento di studio è il profeta Geremia e i suoi libri contenuti nella Scrittura.

La guida è utilizzata dalle chiese cristiane avventiste di tutto il mondo, nella lingua di ogni nazione. I temi vengono studiati sulla Bibbia giornalmente a livello personale, e poi in chiesa, ogni sabato, si discutono in gruppo. Questo programma che occupa la prima parte del servizio religioso del sabato mattina nelle comunità avventiste, aiuta ogni persona a crescere spiritualmente, grazie anche al confronto.

Geremia è un profeta giudeo vissuto circa 600 anni prima della nascita di Gesù, scrittore del libro che porta il suo nome e del libro delle Lamentazioni, entrambi nel canone della Bibbia. È stato spesso tacciato di disfattismo o non è stato ascoltato. Si opponeva ai comportamenti idolatri del re e del popolo quando falsi profeti predicavano un futuro di pace e di prosperità. Non è facile essere la voce di Dio quando il messaggio è scomodo e impopolare.