domenica, Settembre 20, 2020
Home > Mondo > Togo. Sono ancora in carcere i due avventisti detenuti ingiustamente.

Togo. Sono ancora in carcere i due avventisti detenuti ingiustamente.

NA - Notizie AvventisteNotizie Avventiste – Non sono stati ancora liberati Antonio dos Anjos Monteiro e Bruno Amah, rispettivamente pastore e membro della chiesa avventista, arrestati ormai da circa un anno in Togo con accuse che le indagini della polizia hanno dimostrato essere completamente false.

Notizie Avventiste ha aderito alle iniziative della Chiesa avventista del 7° giorno mondiale, attuate negli ultimi mesi del 2012, per chiedere la liberazione dei due innocenti.

Oltre alla giornata di preghiera e digiuno del 1° dicembre, e alla petizione per chiedere la loro liberazione (N.A. 37, del 22 dicembre 2012), vi era stata la richiesta di inviare, nel periodo natalizio, dei biglietti di auguri per esprimere affetto e vicinanza ai due detenuti (N.A. 39 del 6 dicembre 2012), e far capire alle autorità che non sono soli.

Fino al 6 febbraio 2013, sono stati recapitati a Monteiro e Amah ben 897 biglietti di auguri provenienti da molti paesi del mondo. La maggior parte è stata spedita dagli Stati Uniti, paese promotore dell’iniziativa, ma anche l’Italia non sfigura, come accade sempre nelle manifestazioni di generosità e solidarietà, essendo il terzo paese su 34 ad aver inviato più biglietti.

Notizie Avventiste ringrazia vivamente quanti hanno partecipato all’iniziativa e fatto sentire un po’ meno sole queste due persone che, nonostante l’ingiustizia subita, restano aggrappati alla loro fede della quale testimoniano in quel luogo di sofferenza, facendo del bene agli altri detenuti. È possibile continuare a inviare loro dei biglietti di saluto e augurio di liberazione, saranno un segno di conforto anche per le loro famiglie. I biglietti dovranno contenere un messaggio in inglese o in francese (per scaricarlo cliccare qui) ed essere spediti all’indirizzo: Pasteur Antonio dos Anjos Monteiro – Union du Sahel – B.P. 2157 – Lomé, Togo.

Intanto la Chiesa avventista continua a spingere sul piano diplomatico perché la situazione si sblocchi e Monteiro e Amah tornino ad essere liberi.