domenica, Agosto 18, 2019
Home > Mondo > Terremoto in Ecuador. Salgono a 413 i morti e a 2.500 i feriti

Terremoto in Ecuador. Salgono a 413 i morti e a 2.500 i feriti

csm_Ecuador_ADRA_fa99ca7c8bIniziati gli interventi di soccorso di ADRA

ANN/Notizie Avventiste – L’Ecuador ha dichiarato lo stato di emergenza dopo il terremoto di magnitudo 7.8 che ha colpito il paese, la sera del 16 aprile, e che ha provocato 413 morti e 2.500 feriti. Il terremoto ha devastato il paese, anche quattro chiese avventiste sono crollate.

Pedernales, città turistica di circa 46.000 abitanti, situata a 270 chilometri a ovest della capitale, Quito, è stata praticamente rasa al a suolo dal peggiore sisma negli ultimi 36 anni.

I 600 membri di chiesa locali hanno creato centri di raccolta di donazioni di prodotti alimentari e abbigliamento per le persone colpite dal terremoto. “Hanno lavorato a stretto contatto con l’Agenzia Avventista per lo Sviluppo e il Soccorso (ADRA). “Ricordiamoci del popolo ecuadoregno nelle nostre preghiere”, ha affermato Felipe Lemos, direttore dell’ufficio stampa della Regione Sudamericana della Chiesa, il cui territorio comprende l’Ecuador.

Gli interventi umanitari avventisti
Lunedì, ADRA ha distribuito prodotti alimentari a 239 persone negli accampamenti provvisori e a 87 persone nei rifugi. I volontari dell’agenzia umanitaria avventista hanno anche assistito una donna che ha partorito per strada e aiutato i suoi parenti feriti.

Tutte queste attività sono effettuate in coordinamento con il Ministero dell’Economia e dell’Inclusione sociale (MIES) dell’Ecuador.

I volontari di ADRA nell’area di Pedernales e 30 volontari provenienti da Santo Domingo e da Quito lavorano per valutare rapidamente i bisogni iniziali al fine di comprendere meglio la situazione e continuare a fornire aiuti umanitari più rilevanti.

ADRA lavora anche per montare un impianto di purificazione idrica a Pedernales, che fornirà acqua potabile alla popolazione. Altri operatori del team di risposta alle emergenze del rete internazionale di ADRA sono in viaggio per affiancare la squadra in Ecuador.

Chiese danneggiate a Pedernales
Vi era un gruppo di persone riunito nella chiesa avventista Palmitas, nella città costiera di Pedernales, quando il terremoto ha scosso la regione. “Si sono salvati perché sono subito corsi fuori”, ha affermato Giovanny Izquierdo, presidente della Chiesa avventista in Ecuador. Poco dopo la chiesa è crollata. Stessa sorte è toccata anche a molti altri edifici della città, che sono stati completamente distrutti. Due delle altre tre chiese avventiste abbattute dal terremoto sono la chiesa centrale, sempre a Pedernales, e la chiesa nella città di Maria Luiza.

Preghiamo per l’Ecuador, il Giappone e il Myanmar
Ted N. C. Wilson, presidente della Chiesa avventista mondiale, ha chiesto di pregare per le operazioni di soccorso e di assistenza verso la popolazione dell’Ecuador; e di ricordarsi nelle preghiere anche del popolo giapponese e del Myanmar, due paesi colpiti dai terremoti solo qualche giorno prima dell’Ecuador.

“Ricordiamoci del popolo del Giappone e del Myanmar nelle nostre preghiere, scossi anche loro da sismi che hanno provocato delle vittime”, ha affermato Wilson, “Si avvicina il tempo della fine e Gesù vuole servirsi di noi per essere un’influenza positiva in ogni situazione difficile e trasmettere l’amore di Cristo”.

(Foto: ADRA Ecuador)