mercoledì, Dicembre 11, 2019
Home > Italia > Terremoto in Centro Italia. Iniziano gli interventi di post emergenza

Terremoto in Centro Italia. Iniziano gli interventi di post emergenza

adra-terremoto-centro-italia-rieti-1Adra Italia aiuta tre boscaioli a riprendere l’attività della loro azienda.

Notizie Avventiste – A distanza di due settimane dal triste evento che ha sconvolto le regioni del Centro Italia, ecco gli ultimi aggiornamenti sulle attività svolte e sugli interventi di post emergenza in fase di pianificazione.

Durante le operazioni di soccorso, la Protezione Civile e gli altri organismi istituzionali hanno garantito un’assistenza efficace e tempestiva, mettendo in campo un ingente numero di risorse, sia in termini di attrezzature sia di persone (oltre 5.000 volontari).

Ora, nei paesi colpiti dal sisma, è iniziata la fase di post emergenza e ricostruzione, anche se la terra continua a tremare (sono oltre 5.000 le scosse dal 24 agosto) e si è aggiunto il mal tempo a peggiorare la situazione. Il lavoro di demolizione e sgombero delle macerie sarà molto lungo, ma allo stesso tempo si riflette già su dove ricostruire i nuovi paesi e soprattutto dove far alloggiare la popolazione sfollata durante i mesi invernali, in attesa delle abitazioni definitive.

L’Agenzia Avventista per lo Sviluppo e il Soccorso (ADRA Italia) ha deciso di rivolgere la sua attenzione alla ripresa delle attività lavorative delle famiglie colpite.
“In questa fase, molto delicata per via degli aspetti emotivi che coinvolgono i destinatari degli aiuti, stiamo cercando di identificare situazioni di disagio specifiche, in cui il nostro intervento possa apportare un beneficio a lungo termine sulla vita dei soggetti coinvolti”, affermano da ADRA Italia.

Il primo intervento riguarderà l’acquisto degli attrezzi di lavoro per aiutare 3 boscaioli a riprendere la loro attività lavorativa, attualmente ferma. Riaprire l’azienda recherà beneficio non soltanto ai tre proprietari, ma anche agli operai che vi lavoravano e alle imprese del settore che da essa si riforniscono.

adra-terremoto-centro-italia-rieti-2

ADRA Italia e la chiesa cristiana avventista del settimo giorno di Rieti continuano l’impegno iniziato nella fase di emergenza, ospitando 3 famiglie macedoni residenti ad Amatrice, e svolgendo lavoro logistico nella ricezione e distribuzione di beni materiali e di prima necessità provenienti da diverse parti d’Italia.

Qualche giorno fa, la giornalista Alessia Guerrieri, del quotidiano Avvenire, ha visitato il centro polifunzionale della chiesa avventista reatina e ha parlato con alcuni degli sfollati del terremoto.

“Qui, nel grande salone, 5 bambini preparano un piccolo dolce per la festa di Zac, macedone, che proprio oggi compie 37 anni”, scrive la giornalista su Avvenire del 2 settembre, “Tutti lavorano per la sua festa, lui continua a dire che vuole tornare ad Amatrice per aiutare. ‘Non riesco più a stare qui sapendo che ci sono tante cose da fare su, tra la mia gente’, ripete a Sabrina Casciani, la volontaria ADRA. L’idea di andar via da Amatrice non lo ha sfiorato neppure, perché ‘è la terra che mi ha accolto vent’anni fa, ora è la mia casa’”.

adra-terremoto-centro-italia-rieti-3

Prosegue la raccolta fondi di ADRA Italia per progetti di aiuto alle famiglie terremotate. Chi desidera fare una donazione può contattare ADRA Italia o donare attraverso il sito www.adraitalia.org, inserendo la causale “Emergenza Terremoto Centro Italia”, nei seguenti modi:
– Conto corrente bancario IBAN: IT 95 E 01030 03203 000000866909
– Conto Corrente Postale n. 160 800 04 intestato a ADRA Italia – Lungotevere Michelangelo, 7 – 00192 Roma
– PayPal, intestato ad ADRA Italia

Ascolta lo spot della radio RVS di Roma.