lunedì, 16 Dicembre, 2019
Home > Mondo > Il simposio avventista sulla sessualità si è concluso con un invito alla coerenza e al calore umano

Il simposio avventista sulla sessualità si è concluso con un invito alla coerenza e al calore umano

csm_Simmons-web_efaa0aa878La vicepresidente della Chiesa avventista, e direttore mondiale del dipartimento Educazione, trae insegnamenti dal summit di Città del Capo

Notizie Avventiste/Ann – L’intervento di Ella Simmons ha concluso, il 20 marzo, il simposio della denominazione sulla sessualità con un appello a considerare i membri di chiesa attratti dallo stesso sesso come “fratelli e sorelle” che hanno bisogno, come tutti, della “grazia salvifica” di Dio, pur confermando la posizione della Chiesa contraria alla condotta sessuale al di fuori del matrimonio eterosessuale.

La vicepresidente della Chiesa avventista del 7° giorno ha sollecitato una visione coerente e l’attuazione delle credenze della chiesa sulla sessualità umana.
“Finché proteggiamo, copriamo e tolleriamo l’adulterio, la disonestà e altri peccati che sono stati proibiti da Dio nella Chiesa e in particolare nei luoghi alti, non potremo in alcun modo far arrivare ai membri le parole di verità capaci di trasformare le loro vite”, ha affermato Ella Simmons rivolta ai circa 350 delegati riuniti nel Town International Convention Centre di Città del Capo, in Sudafrica.

Per quattro giorni i leader della chiesa e i rappresentanti regionali hanno dialogato sulla risposta della denominazione al comportamento omosessuale di fronte a un cambiamento culturale in tutto il mondo che è sempre più favorevole alle relazioni gay e lesbiche. Il summit “A immagine di Dio: Scrittura. Sessualità. Society.” ha affrontato il fatto che le questioni Lgbt (acronimo di lesbiche, guy, bisessuali, transessuali) interessano le assunzioni della chiesa e il funzionamento dei propri sistemi educativi e sanitari in un numero crescente di regioni del mondo.

I delegati hanno anche ascoltato, la sera precedente, la presentazione di Peter Swanson, psicologo e docente associato di Cura pastorale presso la Andrews University, negli Stati Uniti.
Swanson ha iniziato leggendo le dichiarazioni della Chiesa avventista sulle relazioni omosessuali, sottolineando la presa di posizione contro l’intolleranza, i crimini dettati dall’odio e la discriminazione.
“Sostengo con forza la posizione della mia chiesa che difende i diritti umani”, ha affermato Swanson. “Essi [gay e lesbiche] hanno bisogno di comprensione, pazienza e amore. Dite loro parole di incoraggiamento”.

Swanson ha anche riferito ai delegati che la riduzione dell’attrazione verso lo stesso sesso e dei comportamenti omosessuali in seguito a una terapia del cambiamento è “rara” e che alcuni gay e lesbiche cristiani si sentono danneggiati da tale terapia.

Anche Miroslav Kis, professore di etica al Seminario teologico avventista della Andrews University, ha invitato i delegati a pensare con chiarezza agli insegnamenti biblici sulla sessualità umana e ad agire con comprensione verso coloro che non sono in linea con tali norme.