giovedì, Maggio 23, 2019
Home > Mondo > In Serbia, doni “a cuore aperto” per la strada

In Serbia, doni “a cuore aperto” per la strada

open_heart_street1mA Belgrado, la casa editrice avvetnista Preporod ha iniziato il nuovo anno distribuendo oltre 25.000 copie di libri e dvd ai concittadini, e raccogliendo 100.000 dinari per la casa rifugio di Smedervo.

Notizie Avventiste/tedNews – Nella rigida mattina di Capodanno, il termometro era sceso a meno 12 gradi nel centro di Belgrado, ma la strada Svetogorska, come ogni primo giorno dell’anno, aveva cambiato il suo nome in “Open Heart Street”. Solo i più coraggiosi e diligenti alle 8.30 erano lì, a sistemare gli stand con i prodotti, domandandosi se la gente sarebbe scesa in strada nonostante il freddo.

Lo stand della casa editrice avventista Preporod era già pronto e i volontari, membri della chiesa di Belgrado, avevano iniziato a distribuire libri e dvd ai primi passanti. “Buongiorno e buon anno! Questo è il regalo di Capodanno della casa editrice Preporod per te”, era il messaggio con cui i volontari open_heart_street2accoglievano le persone che si avvicinavano allo stand. Giovani, coppie sposate, genitori con bambini e anziani, tutti erano sorpresi che qualcuno offrisse qualcosa gratuitamente, ma accettavano i doni e chiedevano che cosa potevano dare in cambio. “Raccogliamo donazioni per la casa rifugio per donne e bambini, Safe House, di Smederevo. Se desiderate, potete mettere qualcosa in quella scatola laggiù”, era la risposta dei volontari.

Il gelo aumentava con il passare delle ore, ma “Open Heart Street” diventava sempre più affollata. Tanta gente era in coda davanti allo stand avventista per ricevere il regalo di Capodanno; in diversi hanno chiesto una copia in più per un familiare, un parente, un amico. open_heart_street5Solo alcuni individui avevano restituito i doni ricevuti perché non erano interessati ai temi religiosi, ed è andata bene così, dato che il diritto alla libera scelta è valido anche il primo giorno dell’anno.

Allo stand le persone hanno posto domande, espresso apprezzamento e critiche, ma quasi tutti sono andati via con un regalo in mano. Trentasei volontari, tra cui quattro bambini, a turno, hanno lavorato instancabilmente. Libri, riviste e dvd lentamente hanno trovato un posto più caldo: una mano, una tasca del cappotto, una borsa; mentre la scatola delle donazioni era sempre più piena.

Alla fine della giornata, i volontari erano quasi congelati, ma il loro cuore era caldo perché avevano distribuito 25.350 libri e dvd, e raccolto 98.000 dinari per la casa rifugio.