venerdì, Agosto 7, 2020
Home > Italia > “Se non ora, quando?” è il tema del nuovo anno accademico dell’Istituto avventista di Firenze

“Se non ora, quando?” è il tema del nuovo anno accademico dell’Istituto avventista di Firenze

Venerdì e sabato le cerimonie di inaugurazione.

Lina Ferrara – Il 20 e il 21 settembre l’Istituto avventista di cultura biblica “Villa Aurora” (Iacb) di Firenze inaugura il nuovo anno accademico 2019-2020 con la prolusione del direttore, Davide Romano, nominato a questo incarico lo scorso giugno.

“L’Inaugurazione di un nuovo anno scolastico per una facoltà di teologia e per un campus come Villa Aurora rappresenta il rinnovarsi di una duplice sfida: culturale e teologica” spiega D. Romano “La sfida culturale consiste nel far coesistere armonicamente una pluralità di sensibilità differenti: a Villa Aurora si parlano almeno 5 lingue. Dunque lo sforzo di docenti, educatori e discenti è quello di ‘abitare la distanza’ che intercorre tra le differenti culture e spiritualità. La sfida teologica consiste nel cogliere nello studio della teologia fondato sulla Bibbia, un altro modo, quello più bello e entusiasmante, di confessare la fede in Gesù”.

Il motto che accompagnerà l’intero anno accademico è “Se non ora, quando?”. Una domanda che stimola a spaziare tra le tematiche proprie di questo tempo, come l’accoglienza, l’inclusione, l’ambiente, la salvaguardia del creato, la giustizia, ecc. Un interrogativo che volge lo guardo alla missione stessa dello Iacb, le cui “attività di studio e di ricerca… sono finalizzate a pensare la vita, ad annunciare la fede nel vangelo eterno, ad alimentare la speranza nel regno di Dio che viene, a imparare e incarnare l’amore, senza riserve e senza discriminazioni, al servizio di una Chiesa attenta ai bisogni dei più deboli”.

33 sono complessivamente gli studenti della facoltà avventista di teologia (Fat), con 6 nuovi iscritti al primo anno. L’intero quinquennio del corso di laurea in teologia offre due indirizzi: “Pastorale della famiglia” e “Diritti e società”.

L’offerta formativa dell’Istituto comprende anche il dipartimento di lingua, cultura e arte italiana (DiLcai) che accoglie ragazzi stranieri desiderosi di apprendere l’idioma italico e vivere un’immersione tra le bellezze del nostro Paese. 44 sono quest’anno gli studenti arrivati da Stati Uniti e Brasile.

Le cerimonie di inaugurazione inizieranno venerdì, alle ore 20.30, nella cappella storica di Villa Aurora (in via del Pergolino 12), come è ormai tradizione. Proseguiranno sabato mattina, alle ore 11, con il culto di adorazione nella chiesa avventista fiorentina (in via del Pergolino 1); il sermone sarà tenuto da Davide Romano che predicherà su “La scelta inevitabile”. E si concluderanno di nuovo nella cappella storica, a partire dalle ore 16, con la dedica di apertura del direttore; il benvenuto agli studenti di teologia a cura del decano della facoltà, Tiziano Rimoldi, e la consegna delle lauree a quanti hanno terminato il ciclo di studi; il benvenuto agli studenti del DiLcai, a cura della responsabile del dipartimento, Antonietta Riviello.

La Fat rilascia lauree e diplomi in teologia riconosciuti ai sensi della normativa vigente (Legge 22 novembre 1988 – n. 516, come modificata dalla Legge 8 giugno 2009 – n. 67). L’Istituto fa anche parte del sistema educativo avventista mondiale, ed è regolarmente riconosciuto dall’Accrediting Association of Seventh Day Adventists (Level III institution).

Visita il sito: villaaurora.it

Ascolta l’intervista a Davide Romano a cura di Rvs Firenze.