mercoledì, Dicembre 11, 2019
Home > Italia > Ricostruiscono l’orecchio a un bambino grazie alla stampa 3D

Ricostruiscono l’orecchio a un bambino grazie alla stampa 3D

Al Meyer di Firenze il primo intervento di questo tipo in Italia.

HopeMedia Italia – Si è concluso con successo l’intervento ricostruttivo del padiglione auricolare su un tredicenne affetto da microtia da entrambi i lati, una malformazione congenita rara che colpisce cinque bambini su diecimila nati.

Il dott. Flavio Facchini, medico avventista, ha guidato l’equipe dell’Ospedale pediatrico Meyer di Firenze, dove Lapo (nome di fantasia) era ricoverato. Ha ricostruito l’orecchio a partire da cartilagini costali prelevate dal bambino e dando la forma grazie a modelli stampati in 3D. Si tratta della prima operazione in Italia che si avvale di questa tecnologia.

“Siamo riusciti a ingegnerizzare uno degli interventi più complessi di chirurgia plastica ricostruttiva” ha spiegato il dott. Facchini a HopeMedia Italia “la complessità è data dal fatto che imperfezioni millimetriche sono visibili sotto la pelle”. Per questo è necessaria una notevole esperienza e preparazione. Le stampe 3D dell’orecchio e delle cartilagini hanno permesso all’equipe di affinare la tecnica poiché l’intero intervento è stato simulato più volte.

“Il vantaggio di un intervento di questo tipo” ha aggiunto il dott. Facchini “è l’estrema precisione, che ha consentito di ridurre al minimo le cartilagini prelevate dalle coste del bambino. Quando siamo arrivati a prelevare le cartilagini sapevamo già i frammenti da utilizzare, perché il modello che avevamo stampato le riproduceva con fedeltà assoluta”. Inoltre, si sono ridotti i tempi di esecuzione dell’intervento (6 ore) e, di conseguenza, quelli dell’anestesia, spiegano dal nosocomio.

Lapo non ha problemi di udito ma viveva un disagio. “Per un bambino con una malformazione così evidente, il recupero estetico acquista una grande valenza psicologica e sociale” ha evidenziato il chirurgo. Tra qualche mese il tredicenne sarà sottoposto a un nuovo intervento per ricostruire l’altro orecchio. Come modello per la stampa 3D è stato preso il padiglione auricolare della mamma.

Il dott. Flavio Facchini, nato e cresciuto in una famiglia di credenti avventisti, si è specializzato in tecniche ricostruttive dell’orecchio e microchirurgia nella più importante scuola mondiale del settore, l’Ospedale Necker di Parigi.

Recentemente vi ha trascorso un periodo per approfondire la tecnica chirurgica grazie a una missione finanziata della Fondazione Meyer, spiega in una nota il nosocomio fiorentino.

Ascolta l’intervista al dott. Flavio Facchini.

 

[Foto: Ospedale Meyer]