domenica, Settembre 15, 2019
Home > Italia > Rassegna stampa. Festa Solidale. CesenaToday

Rassegna stampa. Festa Solidale. CesenaToday


18esima Festa Solidale: raccolta fondi per i terremotati di Visso

Si terrà sabato e domenica prossima, per proseguire poi il primo e il due settembre la “18esima Festa Solidale” proposta da Adra Romagna Onlus – Agenzia Avventista per lo Sviluppo e il Soccorso, in via Moretti a Case Finali di Cesena nel grande piazzale antistante il supermercato Conad. Come ogni anno la solidarietà è rivolta al sostegno di problematiche nazionali e l’edizione 2017 è dedicata alla raccolta fondi per la città terremotata di Visso e i suoi abitanti che ancora oggi, a un anno esatto dall’evento, vivono in situazioni precarie e lottano disperatamente per tenere unito il tessuto sociale di un piccolo paese che è inserito nei cento borghi più belli d’Italia. La Festa Solidale inizierà sabato alle 10.45 per terminare alle 21 e nel corso della giornata si succederanno eventi, presentazioni, laboratori per bambini e ragazzi con momenti musicali serali. Lo stesso si ripeterà nelle altre tre giornate con inizio alle 18 solo nei giorni festivi.

Visita guidata a Visso
L’evento avrà seguito domenica primo ottobre con una visita guidata a Visso organizzata dai volontari di Adra alla quale chi vorrà partecipare potrà iscriversi durante la festa. “Saranno momenti di completa solidarietà con chi ha tanto sofferto e continua a soffrire – dice Giovanni Benini che coordina l’evento – come Adra siamo stati alcune domeniche a Visso e abbiamo organizzato il pranzo per circa una settantina di residenti e lì abbiamo cementato un’amicizia e un rapporto che va avanti nel tempo”. “Sabato sarà presente  – continua Benini – Giuliano Pazzaglini, sindaco del paese, che ci porterà in diretta la sua testimonianza. Lo scorso anno raccogliemmo oltre seimila euro per ‘Contro la violenza alle donne’ e oggi speriamo di replicare.

Riflessione
Le giornate della festa vedranno momenti di riflessione come nella mattinata di sabato con inizio alle 10.45 e la partecipazione delle autorità e di Giuseppe Cupertino, pastore della Chiesa Avventista di Cesena. I momenti più significativi saranno i laboratori per bambini e ragazzi delle ore 18 dove, nelle quattro giornate, si alterneranno noti pittori e scultori come Adriano Maraldi, Luciano Navacchia, Gabriele Gionbetti e Laura Paris. I bambini troveranno delle macerie e con queste e l’aiuto dei maestri comporranno momenti di speranza e di futuro”. Visso è un piccolo paese di poco più di mille abitanti che fu epicentro durante le scosse sismiche del 24 agosto e del 26 e 30 ottobre col risultato di avere oltre l’ottanta per cento di abitanti evacuati e il novanta per cento di danni al patrimonio immobiliare.

La situazione a Visso
“Vivevamo di quanto producevamo e di turismo”, dice il sindaco Giuliano Pazzaglini raggiunto telefonicamente, “purtroppo la realtà che ci eravamo costruiti in tanti anni di duro lavoro del nostro popolo montanaro è andato disperso. Viviamo una situazione difficile dove, sempre di più, la burocrazia e i conflitti fra le varie autorità rallentano grandemente la soluzione. Ultimamente sono stati stanziati due milioni per il sussidio delle imprese commerciali, ma ci vorranno circa due anni per mettere in piedi le strutture necessarie e molti commercianti si vedono disperati a far quadrare i bilanci anche se i ‘mercatini’ di agosto hanno dato qualche sollievo”.

“Problematica”, continua il sindaco, “è la situazione dell’agricoltura per la mancanza di acqua. Questa, in particolare per il bestiame, viene portata con le autobotti, ma non basta. Non possiamo vivere sempre nell’emergenza è necessario pensare ad opere strutturali perché solo così ci sarà rinascita. Spesso noi sindaci ci dobbiamo assumere personalmente responsabilità anche penali in assenza di delibere da parte delle autorità, le quali non è che non vogliono agire, ma sono imbrigliate fra loro in un caos di leggi, leggine, vincoli e chi più ne ha ne metta. Se Errani, il commissario straordinario lascia per termine di mandato, almeno rimanga il tempo necessario per portare in porto quanto ha programmato”. (Articolo di Piero Pasini, pubblicato il 23 agosto su CesenaToday.it)