lunedì, ottobre 22, 2018
Home > Italia > Rassegna stampa

Rassegna stampa

Rassegna stampaLa casa per tutti degli avventisti reatini

Vincenzo, toscano di Pisa, vive a Rieti da 20 anni e ha conosciuto per caso la mensa della chiesa avventista e Vittorio il “grande chef”. “Mi piacciono tanto le polpette al sugo”, racconta Alessandro, 9 anni, che arriva in compagnia del papà Matteo. Vengono spesso e hanno fatto amicizia con tanti dei presenti. I commensali arrivano un po’ per volta, anche da Terni, come Giulio, che vive in stazione dopo una vita da custode di una villa o come la famiglia di Maria e Francesco con due bambini di 5 mesi e 7 anni. Un piccolo ma costante impegno settimanale quello della chiesa cristiana avventista, che nei locali di piazzale Angelucci ha dato vita a un luogo di riferimento per le fasce deboli della popolazione come anziani, stranieri e disoccupati.

È tutto questo l’oratorio “Una casa per tutti”, attivo a Rieti dal 2010. Al suo interno sono diverse le attività dalla mensa per indigenti al centro ludico ricreativo, dal cineforum all’internet point, dalle docce alla consegna di viveri e indumenti. Il centro è diventato un luogo di aggregazione sociale all’interno del quale si realizzano anche incontri e attività di formazione. Una trentina i volontari, un centinaio i fruitori del servizio mensa.

“Ritrovarsi ogni giovedì con tante persone di diversi paesi, tra cui sempre più italiani – spiega il pastore Daniele Benini – è diventato oramai un incontro tra amici. Il pasto caldo preparato con dedizione e professionalità da cuochi volontari è solo parte del valore del nostro incontro”. La mensa ha festeggiato il suo terzo anno di vita. “Inizialmente – raccontano i volontari – offrivamo il pranzo il sabato, dopo il culto, alle persone che chiedevano l’elemosina nei dintorni. Poi per un periodo abbiamo sospeso. Oggi accogliamo anche tanti italiani, con bambini e ragazzi al seguito, tutti sono i benvenuti. Chi vuole può contribuire donando indumenti, soprattutto maschili, e viveri non deperibili”. Per informazioni 339-6617206.

(Daniela Melone, Il Messaggero Rieti del 9.5.2015, p. 45)