domenica, Marzo 24, 2019
Home > Mondo > Presentata la Guida alla libertà religiosa dell’Unione avventista romena

Presentata la Guida alla libertà religiosa dell’Unione avventista romena

N24-Romania_CorojpgNotizie Avventiste/EudNews – È rivolta ai leader del dipartimento Affari Pubblici e Libertà Religiosa (Aplr) delle chiese avventiste locali la guida pubblicata dalle edizioni “Vita e Salute” e presentata, la scorsa settimana, durante un incontro nazionale.

All’evento hanno partecipato pastori, giuristi, avvocati, uomini d’affari e credenti interessati a difendere e tutelare i diritti individuali di ogni essere umano.

La guida, sviluppata dagli avvocati Daniela Ioana Bordeianu e Erika Androne, con il coordinamento di Nelu Burcea, direttore del dipartimento Aplr dell’Unione avventista romena, contiene le dichiarazioni ufficiali della Chiesa in questo ambito, una breve introduzione sulle istituzioni internazionali, la legislazione completa in materia, una modulistica per affrontare le situazioni più comuni in Romania e risorse spirituali sulla libertà religiosa.

N24-Romania_BeachNel corso dell’incontro nazionale, si sono svolti diversi seminari presentati da ospiti speciali come Bert B. Beach, vice presidente del International Religious Liberty Association, e Liviu Olteanu, direttore del dipartimento Aplr presso la regione Inter-Europea (Eud) della Chiesa, rappresentante permanente presso le Nazioni Unite a Ginevra, New York e Vienna in qualità di segretario generale dell’Association Internationale pour la Défense de la Liberté Religieuse.

Obiettivo dei seminari: aumentare la consapevolezza sull’importanza di creare rapporti ufficiali con i leader locali, regionali e nazionali e con i capi delle altre confessioni religiose.

Per Bert B. Beach è stato un giorno speciale anche perché ha festeggiato i suoi 85 anni presentando il libro “Ambasciatore per la Libertà” in lingua romena. Il volume raccoglie le sue memorie e lotte in favore della libertà religiosa (Notizie Avventiste 14, del 10 aprile 2013).

Beach ha incoraggiato i presenti a diventare ambasciatori di libertà: “Gli avventisti del settimo giorno sono persone di libertà. Viviamo in un mondo schiavo non solo politicamente, ma anche, purtroppo, di restrizioni, problemi di salute… È nostro dovere portare e accompagnare le persone alla piena libertà”.

Molto apprezzato il concerto del Madrigal National Chamber Choir, sponsorizzato dal Ministro della Cultura e dall’Associazione “Coscienza e Libertà” e svoltosi nell’Ateneo romeno, centro della vita culturale del Paese.

I canti del coro, diretto dal maestro Voicu Popescu, sono stati intervallati da vari interventi sui principi e i valori della libertà religiosa. La serata è stata presentata dall’attrice romena Maia Morgenstern, sensibile interprete del ruolo di Maria, mamma di Gesù, nel film “La passione di Cristo”, di Mel Gibson.

“Che cosa sarebbe la vita senza musica? E senza libertà?”, ha chiesto Morgenstern al pubblico nel suo discorso di apertura. “Quando si incontrano, questi concetti completano lo spirito umano; questa unione vibra di verità e bellezza; è un gemellaggio che ci libera”.