giovedì, Marzo 21, 2019
Home > Mondo > Porre fine alle guerre, dare inizio alla pace

Porre fine alle guerre, dare inizio alla pace

Giornata di studio dell’Accademia evangelica di Berlino e dell’Eak, in occasione del Centenario della fine del primo conflitto mondiale.

Apd/Notizie Avventiste – Cosa hanno imparato le chiese dal passato? Cento anni dopo la fine della prima guerra mondiale, questo tema è stato al centro della giornata di studio “Ending wars – starting peace” dell’Accademia evangelica di Berlino e del gruppo di lavoro evangelico per gli obiettori di coscienza e la pace (Eak). Si è parlato di sviluppo dell’etica della pace e del contributo delle chiese in questi cento anni, e di quanto l’argomento sia attuale ancora oggi.

“A quel tempo, nelle chiese, sono sati in pochi ad alzare la voce a favore della pace e di un’intesa internazionale. Oggi, invece, il principio di una pace giusta e il primato della nonviolenza sono le basi dell’azione di pace religiosa” ha sottolineato Renke Brahms, rappresentante per le questioni di pace della chiesa evangelica in Germania.
Ma è proprio per questo che è importante far sapere che c’erano voci pacifiste nelle chiese durante la grande guerra. “Sono la radice del lavoro cristiano contemporaneo per la pace” ha detto Christoph Münchow, presidente federale dell’Eak. “È importante oggi essere consapevoli di questo” gli ha fatto eco Uwe Trittmann, dell’Accademia evangelica di Berlino.

“Pochi piccioni tra molti falchi”, lo storico Karlheinz Lipp ha così definito l’impegno pacifista di alcuni pastori prima e durante il primo conflitto mondiale in Germania. Si erano alzate voci pacifiste, ma erano una netta minoranza del protestantesimo tedesco, ha sottolineato Lipp. Sarebbe importante rendere queste voci visibili in modo che non siano dimenticate o volutamente nascoste, ha sottolineato lo storico durante la Giornata di studi berlinese.
Ad esempio, pastori come Otto Umfrid furono coinvolti nella Società di Pace tedesca fondata nel 1892. Nel 1913, il pastore berlinese Walter Nithack-Stahn pubblicò un appello alla pace firmato da altri 400 pastori. E poi vari tentativi di stabilire la pace in Inghilterra come anche in Germania. Nella primavera del 1914 Walter Nithack-Stahnsdorfer e il past. Hans Francke avevano fortemente criticato la propaganda militarista tedesca. “C’erano queste voci pacifiste, ma erano solo alcune” ha ribadito lo storico Lipp.

Anche durante la prima guerra mondiale vi furono dichiarazioni pacifiste. La risoluzione pacifica di cinque pastori berlinesi nel 1917 attirò l’attenzione in occasione dei Quattrocentesimo anniversario della Riforma protestante. Ma rimane impressa la conclusione raggelante dello storico, dopo il 1918: “L’imperatore se ne andò, ma i funzionari della chiesa e i pastori rimasero con le loro posizioni anti-pacifiste”.

“Ci furono traumi tra i protestanti dopo la prima guerra mondiale… ma non vi fu alcun cambiamento radicale per quanto riguarda l’atteggiamento verso la guerra “, ha detto il professore. Certamente, c’erano anche voci pacifiste, come i socialisti religiosi, ma erano troppo deboli per essere ascoltate all’interno del protestantesimo. “Il potere delle vecchie strutture rimase. Nell’ambiente protestante si verificarono simpatie per l’emergente nazionalsocialismo. E il giorno di Potsdam nel 1933, fu un evento importante per molti protestanti che lo accolsero favorevolmente”, ha detto lo storico di Monaco.

Tuttavia, in questi  cento anni, ci sono state numerose iniziative e si sono formati diversi gruppi nelle chiese e tra i credenti per promuovere la pace. “Tutti hanno radici cristiane e hanno portato fiori variopinti su un grande prato di pace”, ha concluso Max Weber, consulente Eak a Bonn.
[Foto: Eak]