giovedì, Agosto 22, 2019
Home > Mondo > Pastore battista in Argentina sfugge a un attentato

Pastore battista in Argentina sfugge a un attentato

NA - Notizie AvventisteIl past. Marcelo Nieva ha aperto un centro di accoglienza per le donne maltrattate.

Notizie Avventiste/ARnews/Morning Star News – Una chiesa locale si occupa delle vittime di abusi o di sostanze stupefacenti, apre un centro di accoglienza per le donne maltrattate e lavora per salvare i minori dalla prostituzione e dal traffico sessuale.

Nella maggior parte dei luoghi americani, un tale servizio sociale reso alla comunità riceverebbe ammirazione e rispetto, forse anche un premio dal sindaco. A Rio Tercero, in Argentina, questo tipo di attività può costare la vita.

Il 21 ottobre, un uomo armato ha sparato contro la macchina di Marcelo Nieva, che passava in quel momento, per assassinare il trentacinquenne pastore della chiesa battista Pueblo Grande. Provvidenzialmente, né Nieva né il passeggero in macchina con lui sono stati feriti. Il pastore ha riferito alla polizia federale che a compiere l’attentato era stato sicuramente un sicario pagato dai trafficanti di droga non contenti dell’opera pastorale che svolge.

Ma Nieva non ha alcuna intenzione di abbandonare l’attività di aiuto alle persone vittime di abusi e la lotta per la giustizia.

I guai per il pastore sono iniziati nel 2010, quando una donna di 23 anni incinta ha cercato aiuto presso il centro Transit Home for Ladies, un rifugio nella chiesa Pueblo Grande che accoglie le donne in fuga dalla violenza domestica e dalla prostituzione.

Il padre del bambino voleva che la donna abortisse, ma lei era riuscita a resistere alle sue pressioni e a dare alla luce una bambina. L’uomo ha accettato a malincuore la paternità solo dopo il test del Dna. Ha poi chiesto la custodia della piccola e per ottenerla ha accusato la madre di maltrattamenti. La situazione si è complicata quando la polizia non ha mostrato di essere imparziale e quando un procuratore distrettuale del luogo ha ordinato un raid della polizia nella chiesa battista di Pueblo Grande, nel centro Transit e nella casa del past. Nieva.

Il 15 ottobre, il pastore, il suo avvocato e gli anziani della chiesa Pueblo Grande hanno incontrato Walter Saieg, ministro del Governo di Cordoba, e Américo Romero Camaño, segretario della Cultura e del Culto, denunciato la campagna persecutoria in atto contro di loro a Rio Tercero e la “passività” della polizia locale. Una settimana dopo, il past. Nieva ha rischiato di essere ucciso.