lunedì, Dicembre 9, 2019
Home > Mondo > Nei loro panni

Nei loro panni

Un gruppo di avventisti australiani dormono in strada per solidarietà verso i senzatetto e per raccogliere fondi.

Notizie Avventiste – Sono numerosi i membri della chiesa avventista che svolgono volontariato nel mondo offrendo pasti, coperte e incoraggiamento a quanti vivono in strada. In Australia, 20 avventisti di Glenvale hanno sfidato il freddo, il 5 agosto, e hanno trascorso la notte per le vie di Toowoomba, nella parte nord-orientale del Paese, partecipando all’iniziativa “Senzatetto per una notte”.

L’evento annuale è gestito dall’organizzazione non profit Base Services e ha l’obiettivo di raccogliere fondi per la mensa sociale Basement Soup Kitchen, come parte della National Homelessness Week (Settimana nazionale dei senzatetto). L’organizzazione offre cibo, vestiti caldi, sciarpe e altri servizi a chi è nel bisogno, ma anche contatti per alloggi e servizi sanitari.

Sono oltre 400 i senzatetto nella zona. Il pastore della chiesa avventista, Casey Wolverton, ha sentito la necessità si agire e di fare qualcosa in più, così ha dormito per strada non una sola notte, ma per l’intera settimana, insieme al principale organizzatore dell’evento.

“La nostra è una delle chiese più grandi qui a Toowoomba… e abbiamo la responsabilità di contrastare le numerose sfide sociali che si presentano e di agire per offrire una soluzione. Era nostro dovere, quindi, partecipare” ha affermato.

Il gruppo ha raccolto più di 7.600 dollari australiani. Importante è stato il contributo dei più giovani: un bambino di 10 anni ha raccolto circa 400 dollari.

“Per i giovani è stata l’occasione per mettere in pratica la loro fede” ha spiegato Jacob Ugljesa, pastore associato della comunità avventista di Glenvale “Le chiese, se non fanno attenzione, rischiano di concentrarsi molto all’interno di se stesse. Invece, questo evento ci chiama a uscire e interagire con le persone che sono in difficoltà”.

Superano i 100.000 dollari australiani i fondi totali raccolti da tutti i partecipanti al progetto della mensa sociale. Il pastore Wolverton si è sentito molto coinvolto e spera che la sua chiesa parteciperà più numerosa il prossimo anno, con almeno 50 persone, di cui una buona percentuale formata da giovani sotto i 20 anni.

Mettersi nei panni di una persona in difficoltà, vivere in qualche modo la sua esperienza, è estremamente formativo per i ragazzi. “Non c’è niente che formi di più un giovane del vivere l’esperienza di un senzatetto” ha concluso il pastore “Cercheremo di coinvolgere sempre più teenager in questo evento”.

Numerosi membri delle chiese avventiste di Glenvale e Toowoomba svolgono volontariato ogni mese presso la mensa sociale Basement Soup Kitchen.