martedì, Luglio 16, 2019
Home > Mondo > Migliaia di detenuti statunitensi ricevono la Bibbia della Andrews

Migliaia di detenuti statunitensi ricevono la Bibbia della Andrews

Andrews-Study-Bible-June17Un’iniziativa sempre più diffusa per toccare il cuore dei reclusi.

ARnews/Notizie Avventiste – Nel 2011, l’Andrews University Press, casa editrice dell’omonima università avventista, aveva notato qualcosa di insolito. Una donna nel Wyoming acquistava decine di copie della Bibbia edita dall’Andrews, corredata da note e risorse per lo studio, a prezzo pieno: circa 70 dollari.

Sorpreso che qualcuno potesse permettersi così tante Bibbie costose, il personale della casa editrice accademica ha cercato di saperne di più. Ha così scoperto che le Bibbie erano richieste da Judy Mackie e dalla sua organizzazione senza scopo di lucro (Binding Broken Hearts), che svolge un ministero per corrispondenza in 185 penitenziari di 24 stati degli USA.

“Quando abbiamo saputo del suo impegno nelle carceri e che le numerose Bibbie servivano per i detenuti, le abbiamo subito proposto l’acquisto con uno sconto speciale”, ha spiegato Ronald Knott, direttore dell’Andrews University Press, “Ma eravamo ancora stupiti dalla sua capacità di raccogliere denaro per ordinare un tale quantitativo di Bibbie”.

Man mano che sempre più detenuti ricevevano le Bibbie, il prezzo delle copie progressivamente scendeva. Su specifica richiesta di un’altra persona che svolge un ministero simile nelle carceri, la casa editrice accademica dell’università avventista ha iniziato la pubblicazione di una edizione di Bibbia per le prigioni, corredata di risorse per lo studio, al costo di meno di 20 dollari a copia.

Parte dell’offerta annuale del congresso nazionale ASI, l’associazione di imprenditori avventisti, che si terrà a Phoenix, in Arizona, il prossimo agosto, servirà a sovvenzionare la distribuzione di questa edizione della Scrittura e di altro materiale dell’associazione Broken Hearts.

L’idea di questa organizzazione non governativa è nata nel 2009, quando Judi Mackie studiava la Bibbia insieme con una detenuta che improvvisamente, accarezzando la copertina di pelle del libro, aveva esclamato: “Questa è la cosa più bella che abbia mai visto”. Colpita dal commento, J. Mackie realizzò quanto fosse importante per una persona reclusa avere qualcosa di bello. “Alcuni possono pensare che sia sciocco distribuire Bibbie rilegate in pelle, ognuna delle quali costa come numerose copie in edizione economica”, ha affermato J. Mackie. Donare delle Bibbie belle e ben rilegate infonde un senso di valore nei detenuti

“Crediamo che queste Bibbie dicano ai carcerati che hanno valore , perché essi sono in gran parte rifiutati dalla società e dimenticati dalle loro famiglie”, ha affermato Mackie, “Riceviamo numerose lettere di gioia e gratitudine perché qualcuno si preoccupa di loro e in cui esprimono il pensiero che forse Dio non li ha dimenticati”.

I detenuti che richiedono una Bibbia sono inseriti in una lista di indirizzi e ogni tre settimane ricevono una lettera personalizzata con gli studi biblici. J. Mackie ha spiegato che più della metà dei detenuti che ricevono le lettere le condividono con i loro compagni di cella, i quali chiedono con entusiasmo lettere e studi. La maggior parte dei detenuti che ricevono le lettere richiedono anche una Bibbia da studio della Andrews.

La casa editrice accademica ha in seguito ricevuto richieste di Bibbie per i carcerati anche da un altro gruppo di volontari avventisti che svolgono un servizio nelle prigioni di un altro stato americano. Da qui l’esigenza di stampare un’edizione con caratteristiche adatte alla pastorale nei penitenziari. Nel 2014 questi volontari hanno ordinato 5.000 Bibbie da distribuire personalmente ai detenuti nelle loro visite, e in quell’anno J. Mackie ne ha chieste 1.300. Nel 2015, la donna ha inviato un ordine di 5.000 copie e lo scorso mese di altre 5.000.

Il design della Bibbia speciale per il carcere deve rispettare le severe norme che regolano l’ammissione degli oggetti all’interno degli istituti di pena. La Bibbia ha una copertina in pelle morbida, con caratteri di stampa di grandi dimensioni. Molte celle e penitenziari sono scarsamente illuminati e la cura della vista spesso non è una priorità in questi luoghi. Questa edizione della Bibbia è molto più leggibile.

Essa include quasi tutte le caratteristiche delle edizioni regolari, tra cui oltre 12.000 note di studio, un sistema di riferimenti che evidenzia i grandi insegnamenti della fede cristiana, mappe, un piano di lettura della Bibbia, un indice tematico e una concordanza. Queste caratteristiche – originariamente progettate per aiutare le persone che hanno un accesso limitato allo studio delle risorse – si adattano bene ai detenuti, che spesso non hanno gli strumenti di base per studiare la Bibbia.