lunedì, 16 Dicembre, 2019
Home > Mondo > Loma Linda. Un mini telescopio per aiutare a vedere di nuovo

Loma Linda. Un mini telescopio per aiutare a vedere di nuovo

WEB_Miniature-Telescope-copyNotizie Avventiste/Adventist Review News – Diventato gradualmente cieco nell’arco di due decenni, Roy Kennedy ha capito di avere poco da perdere sottoponendosi a una nuova procedura praticata nell’ospedale avventista Loma Linda University Medical Center (Llumc), che prevede l’impianto di un mini telescopio nell’occhio per vedere di nuovo.

Poche settimane dopo l’intervento chirurgico all’occhio destro, non ha rimpianti il settantasettenne di Moreno Valley, in California, che soffriva di degenerazione maculare legata all’età (Amd) allo stadio finale.

“È la cosa migliore che abbia fatto; mi ha permesso di uscire dal guscio in cui mi ero rifugiato a causa della cecità”, ha affermato Kennedy, insegnante in pensione, il cui intervento è stato eseguito dal dott. Howard Gimbel, rinomato chirurgo dell’occhio della Llumc.

Loma Linda è il primo ospedale della regione californiana Inland Empire a impiantare il dispositivo telescopico intraoculare protesico per la visione in pazienti affetti da Amd, patologia che costituisce la principale causa di cecità negli anziani americani. L’impianto telescopico, approvato dalla Fda, è la caratteristica principale di CentraSight, il nuovo programma di cura per i pazienti affetti da Amd. Si pensa che tale procedura sia l’unica opzione chirurgica che migliori la vista, riducendo la perdita della visione centrale causata dall’Amd.

I pazienti con Amd perdono progressivamente la visione centrale e quindi hanno difficoltà a riconoscere i volti, leggere, guardare la televisione, guidare.

Il mini telescopio impiantabile, leggermente più piccolo di un pisello, utilizza la tecnologia micro-ottica per ingrandire le immagini e migliorare la visione centrale nell’occhio dei pazienti con deficit visivo da moderato a grave. Le immagini sono proiettate sulla parte sana della retina non colpita dalla malattia.

“Per le persone che hanno gravi difficoltà a vedere direttamente tutto ciò che vogliono, come per esempio quando si legge, qualsiasi miglioramento della vista cambia notevolmente la qualità della vita”, ha affermato Gimbel.

Tuttavia la procedura non è per tutti e ci sono criteri rigorosi per i candidati, compreso il fatto che i pazienti non devono aver subito un intervento chirurgico di cataratta.

“Il reparto di oftalmologia del Llumc vuole essere un centro di eccellenza per il territorio, e la disponibilità locale del mini telescopio impiantabile è un altro esempio di questa filosofia”, ha affermato il dott. Michael Rauser, vicepresidente e direttore associato del programma di internato del reparto di oftalmologia dell’Università Loma Linda. “Invece di una normale lente intraoculare, viene inserito un telescopio in miniatura all’interno della capsula del cristallino dopo la rimozione della cataratta. Ciò offre una maggior acuità visiva in lontananza, riducendo al minimo la perdita di visione periferica che è associata all’uso di telescopi esterni”.

Dopo l’intervento, Kennedy è stato seguito dai terapisti della Llumc, che aiutano i pazienti ipovedenti, per abituarsi a vivere con l’impianto del mini telescopio. Ha quindi espresso gratitudine per quelle piccole cose che i vedenti danno per scontato e che lui può apprezzare di nuovo. “Prima”, ha affermato, “quando andavo a fare la spesa potevo solo spingere il carrello. Ora, posso scegliere i prodotti che voglio”.