lunedì, Agosto 3, 2020
Home > Italia > Le chiese hanno un ruolo nella protezione dei bambini

Le chiese hanno un ruolo nella protezione dei bambini

Lo hanno sottolineato alla presentazione del Rapporto globale sulla prevenzione della violenza contro l’infanzia.

Notizie Avventiste – Unicef, Oms e Unesco hanno presentato, lo scorso 26 giugno, il nuovo Rapporto globale sulla prevenzione della violenza contro i bambini. Tra i 2.500 partecipanti all’evento online, informa l’agenzia stampa Nev, è stato importante l’intervento di Frederique Seidel, consulente senior del Cec (Consiglio ecumenico delle chiese) per i diritti dei minori, che ha evidenziato come i dirigenti e le comunità religiose proteggono i bambini dalla violenza.

“Per molti bambini, le comunità religiose rappresentano un rifugio dove trovano supporto morale e concreto” ha affermato Seidel che ha citato diverse iniziative messe in campo a questo proposito.

Il Rapporto rivela che, nel mondo, 1 bambino su 2 soffre di qualche forma di violenza ogni anno, per un totale di 1 miliardo di minori. 300 milioni di bambini e bambine fra i 2 e i 4 anni subiscono violenze psicologiche e/o punizioni corporali. 1 bambino su 4, di età inferiore ai 5 anni, vive con una madre vittima di violenza.

I numeri su bullismo, contatti sessuali forzati, abusi emotivi e fisici, aggressioni, tentati suicidi, e su quanto questo tipo di esperienze possono condizionare questi bambini nel loro futuro da adulti, con un maggiore rischio di diventare anche loro perpetratori o vittime di violenza, sono allarmanti, dice ancora Nev.

I costi economici delle conseguenze a vita della violenza contro i bambini sono stimati negli Stati Uniti in 228 miliardi ogni anno, solo per i maltrattamenti sui minori; in Sudafrica in 13,5 miliardi di dollari per tutte le forme di violenza contro i bambini.

Il Rapporto raccoglie e analizza le attività di 1.000 decisori e fornisce un’istantanea dei progressi dei Paesi verso gli obiettivi globali. Il rapporto parla anche del Covid-19 e del suo impatto sui bambini dato che le misure di isolamento della pandemia hanno portato in tutto il mondo a un aumento della violenza e degli abusi, anche domestici.

Nelle 352 pagine del dossier, conclude Nev, si parla dello stato globale dell’infanzia, di prevenzione e gestione dei fenomeni di violenza e abuso nel mondo, di piani di azione nazionali e di collaborazioni interdisciplinari, nonché delle strategie di implementazione della protezione dell’infanzia e del contrasto alle violenze, sia dal punto di vista normativo che educativo, anche attraverso il supporto alle famiglie, all’istruzione, la formazione rivolta alle figure genitoriali, ai caregiver, in tutti i sistemi coinvolti per sicurezza delle bambine e dei bambini. Nel capitolo 4, raccomandazioni e conclusioni, a cui segue la raccolta dei dati, con allegati che trattano di statistiche per paese e per area tematica.

Il Rapporto è disponibile in inglese, cinese, francese, russo e spagnolo.