martedì, Ottobre 22, 2019
Home > Mondo > La Guinea Equatoriale espelle un missionario avventista

La Guinea Equatoriale espelle un missionario avventista

GarciaNotizie Avventiste – Manuel García-Cáceres, missionario spagnolo e presidente della missione avventista a Malabo, capitale della Guinea Equatoriale, è stato deportato il 23 maggio con false accuse di “attentato alla sicurezza nazionale”. Il pastore ha lasciato la nazione senza poter neanche salutare la moglie e la figlia, ora entrambe in attesa di rientrare in Spagna.

Missionario in Guinea Equatoriale da 13 mesi, García è stato convocato dal Ministero della Giustizia il 21 maggio e accusato di introdurre “attrezzature speciali per le comunicazioni via satellite” con le quali potrebbe far uscire dal paese le informazioni interne.

Pedro Torres, direttore delle Comunicazioni presso l’Unione avventista spagnola, riporta che i funzionari hanno incolpato García di possedere apparecchiature capaci di eludere i servizi di sicurezza e per questo è stato ritenuto “un pericolo per la sicurezza nazionale”.

A quanto pare, “persone vicine a Garcia” avevano informato le autorità che le apparecchiature di trasmissione in FM, legalmente importate, erano in realtà il presunto illegale “impianto satellitare”. La polizia ha perquisito la casa e l’ufficio del pastore, trovando solo un’apparecchiatura elettronica.

“L’unico oggetto che hanno trovato simile a ciò che i detrattori avevano descritto era un trasmettitore radio FM, donato dalla chiesa avventista del settimo giorno di Benidorm, nella provincia spagnola di Alicante”, ha spiegato Torres.

“L’apparecchiatura radio FM era stata correttamente segnalata alla dogana quando importata dalla Spagna. In effetti, il trasmettitore era ancora imballato e non era stato ancora utilizzato al momento del raid della polizia”, ha aggiunto.

Il 22 maggio, García era stato nuovamente convocato dal Ministero della Giustizia e questa volta condannato a pagare 2.000 dollari di multa. Nonostante avesse pagato l’ammenda, il pastore era stato messo in carcere quel giorno stesso.

Il 23 maggio, l’ambasciatore di Spagna in Guinea Equatoriale ha fatto visita al missionario avventista in prigione, informandolo che sarebbe stato presto espulso. La sera stessa, García è stato accompagnato all’aeroporto di Malabo e ha ricevuto il passaporto solo quando l’aereo è decollato.

“L’espulsione del past. Manuel García-Cáceres, dopo 13 mesi di un buon servizio per la Chiesa e per gli abitanti della Guinea Equatoriale, mostra quanto sia fragile la libertà religiosa e lo stato di diritto in alcune parti del mondo”, ha rilevato John Graz, direttore del dipartimento Affari Pubblici e Libertà Religiosa della Chiesa avventista mondiale.

“I missionari che condividono le loro conoscenze e competenze per il bene delle persone sono a volte soggette alla volontà delle autorità politiche che non hanno alcun riguardo per il ministero che svolgono o la tutela dei diritti umani”, ha aggiunto.

I primi missionari avventisti arrivarono in Guinea Equatoriale nel 1960. Interruppero la loro opera nel 1972, a causa della situazione politica, riprendendola due anni dopo. Dal 2011, ci sono 19 chiese avventiste e circa 2.500 membri nella nazione.