martedì, Agosto 11, 2020
Home > Mondo > La festa della libertà religiosa in Brasile evidenzia la coesistenza pacifica

La festa della libertà religiosa in Brasile evidenzia la coesistenza pacifica

N21-Brasile1Notizie Avventiste – I vertici regionali di 20 gruppi religiosi si sono impegnati a sostenere la libertà religiosa in Brasile, durante il festival sponsorizzato dall’International Religious Liberty Association (Irla), associazione che quest’anno compie 120 anni di attività.

In 30.000 hanno partecipato alla seconda edizione del Festival mondiale della libertà religiosa, svoltosi sabato 25 maggio nel centro di São Paulo. La celebrazione ha messo in evidenza la coesistenza pacifica tra credenti di diverse fedi.

Edson Rosa, segretario generale dell’Irla in Sudamerica, nel suo messaggio alla folla ha ribadito la necessità di proseguire l’opera di promozione della libertà di fede. “Stando in silenzio, senza parlare mai di questo tema, si finisce con il dare l’opportunità alle persone con dei pregiudizi di ostacolare la piena libertà di espressione e di coscienza”, ha affermato. “Dobbiamo quindi parlare più apertamente di questo argomento”.

Il successo del festival ha spronato il Comune a proclamare il 25 maggio “Giornata della libertà religiosa”, e la notizia dell’evento è stata diffusa dall’agenzia di stampa “O Globo”.

L’Irla promuove diversi festival regionali ogni anno per ringraziare i paesi e i loro governi perché promuovono la libertà religiosa. Il primo si svolse in Perù nel 2009.

Il 22 maggio, l’Irla ha organizzato un simposio internazionale su diritto e libertà religiosa presso l’Ordine degli Avvocati del Brasile. “Continueremo a sostenere questa attività perché crediamo che sia una questione di rispetto e di amore per gli altri”, ha affermato Marcos Costa, presidente dell’ordine.

Damaris Kuo, presidente della Commissione dell’Ordine degli avvocati sulla libertà religiosa, ha fatto notare che, nonostante la libertà esistente, ci sono situazioni quotidiane in cui è necessario un intervento legislativo per prevenire la violazione dei diritti.

Brian Grim, del Pew Research Center’s Forum on Religion and Public Life, ha informato che il 40 per cento dei paesi più importanti del mondo attuano restrizioni al diritto di libertà religiosa. Inoltre, un terzo dei paesi hanno norme che costringono le persone a professare una qualche sorta di religione, vietando l’ateismo, e nel 31 per cento dei paesi l’intolleranza religiosa sfocia spesso in arresti.

Attualmente, circa il 65 per cento degli abitanti del Brasile è cattolico, il 22 per cento è protestante e il 15 per cento afferma di non appartenere a nessuna fede religiosa. Gli evangelici sono notevolmente aumentati negli ultimi anni .
Per Glauber Alencar, capo del Consiglio dei Ministri dello Stato di São Paulo, la tolleranza religiosa è importante e continua a essere una pietra miliare.