martedì, Agosto 20, 2019
Home > Italia > La chiesa come luogo di servizio per la comunità

La chiesa come luogo di servizio per la comunità

N 14-Essere ChiesaNotizie Avventiste – È questo il tema della conferenza culturale “Essere Chiesa per Servire” che si svolgerà sabato 13 aprile, alle ore 17.00, presso la chiesa cristiana avventista di Castel Volturno, in provincia di Caserta. Partendo dalle esigenze territoriali, i relatori parleranno sull’importanza della chiesa come luogo al servizio del prossimo.
“Per ‘prossimo’ non si intende qui solamente il fedele, bensì l’altro da aiutare, confortare, incoraggiare, e con il quale condividere pensieri e progetti”, ha affermato Davide Malaguarnera, pastore della chiesa cristiana avventista di Castel Volturno.
Interverrà il prof. Ermanno Genre, pastore valdese e docente emerito della Facoltà valdese di teologia, che presenterà la figura del diacono come risorsa per la chiesa e per il territorio. “L’idea è che il diacono non sia solamente relegato nell’ambito ecclesiale, bensì sia un diacono “sociale” al servizio della legalità, dei bisogni del vicino, che porti fuori dalla chiesa la carità e l’amore fraterno”, ha spiegato Malaguarnera.
L’intervento di Elisa Gravante, pastora avventista e referente dell’agenzia umanitaria Adra Italia, sarà orientato al servizio concreto verso quanti vivono momenti di grande difficoltà economica, sociale e ambientale.
Infine, interverrà il dott. Salvatore Cortini, responsabile del centro sociale “Casa Mia Nitti”, che aiuterà i presenti a prendere coscienza di cosa vuol dire servire in un territorio difficile come quello napoletano. Il tutto sarà piacevolmente moderato dalla dott.ssa Marta D’Auria, giornalista del settimanale evangelico Riforma.
All’evento, organizzato dalla chiesa cristiana avventista di Castel Volturno, collaborano: Adra Italia, il settimanale Riforma, le edizioni Adv, l’editrice Claudiana, Radio Volcri, Radio Voce della Speranza, i pastori evangelici del napoletano e del casertano
L’incontro si terrà in via SS. Domitiana 206. L’ingresso è libero.
Per scaricare la locandina cliccare qui.