mercoledì, Settembre 23, 2020
Home > Italia > In ricordo di don Gallo Rvs Firenze ripropone una sua intervista

In ricordo di don Gallo Rvs Firenze ripropone una sua intervista

Don Gallo1Notizie Avventiste – Don Andrea Gallo si è spento ieri pomeriggio, 22 maggio, a Genova, nella Comunità di San Benedetto al Porto, da lui stesso fondata. Aveva 84 anni.
Definito “prete di strada”, “prete scomodo”, “amico degli ultimi”, perché era al fianco dei più deboli e degli emarginati, per i tanti che lo hanno conosciuto era semplicemente Andrea.

Era un uomo che non si è limitato a predicare dal pulpito, ma ha preteso di praticare ciò che diceva e invitava i fedeli a fare altrettanto. “Il Vangelo va testimoniato e annunciato. C’è bisogno di esempi, di uomini e donne di buona volontà che siano testimoni viventi di quell’annuncio”, affermava.

In omaggio alla memoria e all’eredità spirituale di questo sacerdote, appassionato cristiano, Radio Voce della Speranza (Rvs) ripropone l’intervista di Claudio Coppini realizzata a Firenze, camminando a braccetto con don Gallo, da piazza Duomo a piazza della Signoria, durante la marcia della convivenza per la cultura dell’accoglienza contro la non cultura dell’egoismo, svoltasi il 22 luglio 2008.

“Ho pianto di commozione nel riascoltare questa intervista e nel rivivere nella mia mente quell’incontro con Don Gallo”, ha ricordato Coppini. “E pensare che gli avevo fatto una prima intervista ma subito dopo mi ero accorto che il registratore era spento. Lì per lì mi è preso un po’ di smarrimento, ma è stato solo un attimo, perché quando si è accanto a una persona con una presenza interiore e spirituale così viva, testimone appassionato di vita e d’umanità, è come ricevere una scossa che provoca una reazione dinamica. Così mi sono riavvicinato, abbozzando un sorriso, e gli ho detto: ‘Andrea sono un dilettante che prova a fare il giornalista… dovremo rifare l’intervista!’. Lui è sceso dal furgoncino che avanzava a passo d’uomo verso piazza Duomo, mi ha preso a braccetto e fraternamente insieme abbiamo imboccato via dei Calzaiuoli, verso piazza della Signoria, accompagnati dal vibrante racconto della sua vita”.

Per ascoltare l’intervista cliccare qui.