mercoledì, Settembre 30, 2020
Home > Italia > GMP. Chi accoglie un bambino accoglie me

GMP. Chi accoglie un bambino accoglie me

GMP 2016 - Libretto liturgia_definitivo-1Il 4 marzo ritorna la Giornata Mondiale di Preghiera, preparata quest’anno dalle donne di Cuba.

Lina Ferrara – “Chi accoglie un bambino accoglie me” è il tema della Giornata Mondiale di Preghiera (GMP) che si celebra il 4 marzo. Marco 10:14 è il testo biblico di riferimento. Quest’anno i riflettori sono accesi su Cuba e si prega per i bambini che rappresentano il volto di Gesù, qui, ora.

I media propongono continuamente immagini di bambini che perdono la vita in mare, perché fuggono con le famiglie (e a volte da soli) da guerre e persecuzioni; muoiono di stenti nella povertà estrema; sono merce, perché rapiti e venduti dai trafficanti di esseri umani; sono abusati.

La preghiera diventa allora anche un grido a che tutto questo finisca e ciascuno si impegni a proteggere e accogliere i bambini. E accoglienza è ciò che Cristo avrebbe voluto dai discepoli, quando i bambini arrivarono da lui per essere benedetti. Gesù è inclusivo e tale deve essere anche chi lo segue.

GMP_cuba 1La liturgia, preparata dalle donne di Cuba, si apre con le diverse generazioni che recano un simbolo di fede e speranza: la donna anziana ha la Bibbia, tenuta in vita durante la politica atea del governo; l’adulta ha un cesto con i prodotti della terra, segno del contributo di questa generazione alla società; la giovane ha una luce, per illuminare il cammino nella contraddizione sociale in cui vive; e poi ci sono tre giovanissime rappresentanti delle nuove generazioni che sono il filo conduttore della liturgia. Con esse impariamo anche noi a incontrare Dio nella vita quotidiana e ad ascoltare le loro sofferenze dovute al blocco economico. Nonostante la riapertura dell’ambasciata statunitense nell’isola, l’estate scorsa, l’embargo attanaglia il paese da oltre 50 anni.

hedychium-coronarium-ginger-lily-2Il fiore mariposa, tipico di Cuba, diventa così il simbolo della nostra solidarietà con le donne cubane e del nostro impegno ad agire con amore cristiano. Nei suoi petali le donne cubane nascondevano messaggi destinati a chi lottava per liberare il paese dal colonialismo spagnolo. Nella celebrazione, i presenti sono invitati a inserire nei fiori mariposa di carta un biglietto su cui hanno scritto un impegno personale da presentare in preghiera al Signore.

La solidarietà con le donne cubane si concretizza nella colletta raccolta in ogni comunità dove si celebra la GMP e che quest’anno il comitato nazionale italiano destina a un progetto sanitario che comprende: allestimento di un registro nazionale di endocrinologia pediatrica per il diabete di bambini e giovani; prevenzione della demenza e della fragilità degli anziani.

Il 4 marzo, in oltre 170 paesi del mondo e a tutte le ore della giornata (per i fusi orari), ci sarà un gruppo di persone in preghiera: donne, e anche uomini, di varie etnie, culture e tradizioni insieme. In Italia la GMP è celebrata in un numero sempre crescente di città.

Maggiori informazioni e risorse sono disponibili sul sito della GMP italiana: https://sites.google.com/site/gmpitaliana/liturgia/risorse—2016—cuba