lunedì, ottobre 15, 2018
Home > Mondo > Gli avventisti nelle Filippine aiutano gli sfollati di Marawi evacuati dopo l’attacco dei miliziani

Gli avventisti nelle Filippine aiutano gli sfollati di Marawi evacuati dopo l’attacco dei miliziani


La chiesa della regione chiede di pregare per gli abitanti della città.

Notizie Avventiste/ANN – Gruppi di avventisti aiutano gli sfollati di Marawi, la più grande città musulmana delle Filippine, evacuati dalle loro case dopo l’attacco dei miliziani estremisti islamici che hanno invaso la città in risposta a un fallito tentativo militare per catturare il leader pro-Isis del gruppo, il 23 maggio. I miliziani hanno occupato un ospedale governativo e bruciato un collegio cristiano privato e la prigione della città. Il presidente delle Filippine, Rodrigo Duterte, ha imposto la legge marziale nell’isola di Mindanao.

Circa 2.000 degli oltre 200.000 residenti sono rimasti intrappolati in città a causa dei combattimenti tra militanti e militari. Tutti gli altri sono fuggiti nei primi giorni dell’assedio durato una settimana, e migliaia di persone si sono dirette nella città di Iligan, a 60 chilometri a nord di Marawi. Molti sono scappati utilizzando mezzi pubblici e personali, alcuni a piedi, tentando di camminare per la città. Diversi hanno trovato rifugio nelle aree intorno a Marawi. L’afflusso di sfollati ha portato le autorità di Iligan a dichiarare, il 29 maggio, la chiusura della città per paura che i miliziani potessero entrare con gli sfollati e allargare la loro presa sulla zona.

I membri della chiesa cristiana avventista cercano di offrire aiuto agli sfollati in vari modi. Raccolgono e distribuiscono beni di prima necessità, come prodotti alimentari e per l’igiene, acqua, pannolini e indumenti per neonati. Il Centro medico avventista di Iligan fornisce assistenza dove necessario. Centri di evacuazione sono stati aperti in luoghi di fortuna.
“Nella situazione attuale gli sfollati sono disagiati; infatti dormono sul pavimento e credo sia necessario organizzare una missione medica per evitare focolai di malattie tra coloro che cercano sicurezza nei centri di evacuazione”, ha affermato Jun Mar, del Centro medico avventista.

Il desiderio di aiutare è notevole da parte delle chiese. Un gruppo di avventisti ha percorso circa 90 chilometri dalla sede nazionale della denominazione, per arrivare a Iligan e consegnare vestiti, articoli per l’igiene e cibo a uno dei tre centri di rifugiati della città. Hanno ascoltato e incoraggiato le donne fuggite con i figli e preoccupate sulla sorte dei loro mariti rimasti a Marawi.

Inoltre, il gruppo ha visitato altre persone in una delle zone più povere, scoprendo di essere i primi a portare generi di conforto. Entrati in una piccola casa, hanno contato ben 42 persone che condividevano il poco spazio. Gli sfollati hanno ringraziato il gruppo per aver portato aiuti e un po’ di speranza, entrambi molto necessari.

Un avventista è intento a organizzare anche una mensa per i militari dell’esercito. Sebbene sia il governo a provvedere alle loro necessità, sostegno e cura aggiuntivi li incoraggiano nei lunghi e difficili giorni.

Le vittime della battaglia sono purtroppo aumentate nella settimana e gli avventisti, nelle Filippine e all’estero, erano preoccupati per la chiesa della città, composta da studenti e docenti della Mindanao State University. Sembra che siano stati tutti evacuati in sicurezza. Gli studenti sono ritornati alle loro case e la facoltà è stata traferita a Iligan.

Gli avventisti della regione chiedono di pregare per gli abitanti di Marawi e per quanti offrono accoglienza e soccorso nel conflitto.

Ci sono 2.000 chiese e circa 500.000 membri nella regione che comprende l’isola di Mindanao e l’Arcipelago Sulu.

(Foto: Jun Mar)