lunedì, settembre 24, 2018
Home > Italia > Femminicidio. Una poesia per non dimenticare

Femminicidio. Una poesia per non dimenticare

NA - Notizie AvventisteNotizie Avventiste – Pubblichiamo “Cenere”, la toccante poesia di Luciana Coèn dedicata alla giovanissima Fabiana Luzzi, accoltellata e poi bruciata dal fidanzatino coetaneo. Un invito alla riflessione, perché ogni donna vittima di violenza non finisca per diventare solo un numero in più nella lista annuale dei femminicidi – termine definito brutto da alcuni, ma sicuramente non quanto il significato che rappresenta.

“Cenere
L’odore della carne,/ della mia carne,/ che brucia/ mi arriva alle narici/ a folate/ portate dal vento/ e nell’andare/ e venire/ della mia coscienza./ Tra il fumo/ vedo un’ombra/ la sua sagoma,/ il mio fidanzatino./ O quel che resta/ di lui./ Siamo,/ eravamo giovani/ una vita davanti,/ ora è già dietro,/ passata/ le parole sono volate/ solo quindici anni/ /una fiamma/si alza/ un dolore lancinante/ nel mio sentimento/ sulla mia pelle/ è andato/ sta andando tutto in fumo/ il primo bacio/ il batticuore/ quando l’ho rivisto/ le sue mani sul mio viso/ e poi la voce/ che si alza/ insieme alle mani/ qualcosa brilla al sole/ la lama di un coltello./ Le mie braccia si alzano/ in segno di resa/ in segno di protezione/ del mio corpo/ della mia vita./ Non può essere/ che il suo sguardo/ dolce innamorato/ si sia all’improvviso/ mutato in occhi omicidi/- femminicidi -/ solo quindici anni/ il sangue scorre/ l’odore di benzina/ sui miei vestiti/ è fredda la benzina/ ho freddo/ riscaldami/ solo quindici anni/ e poi il click/ la fiamma/ una torcia/ l’odore acre/ della carne,/ la mia carne,/ che brucia/ sono io/ solo quindici anni/ mi lascia qui/ è tutto un fumo/ è tutto nero/ tutto andato in fumo/ i miei quindici anni/ la mia vita./ Sono l’ennesimo femminicidio/ la numero 33, forse,/ e ho solo quindici anni./ Sono diventata un numero/ una vita bruciata/ ma avevo solo quindici anni/ ero una donna in nuce/ ero luce/ nella mia famiglia/ nel mio mondo./ Sono diventata la numero 33,/ forse,/ carbone ardente/ ormai/ spento/ per sempre”.