mercoledì, ottobre 17, 2018
Home > Mondo > Ebola. Il Presidente della Chiesa mondiale chiede una giornata di preghiera

Ebola. Il Presidente della Chiesa mondiale chiede una giornata di preghiera

N32_Wilson_giornata preghiera per ebolaL’Africa occidentale affronta la rapida diffusione dell’epidemia

Notizie Avventiste – Il presidente della Chiesa avventista, Ted NC Wilson, ha rilasciato il 26 settembre, la seguente dichiarazione:

“A nome dei dirigenti e dei membri della Chiesa Avventista del 7° Giorno delle sue 13 regioni nel mondo, vale a dire degli oltre 18 milioni di membri in 215 paesi, vorrei esprimere la mia profonda preoccupazione per le persone in Africa occidentale che vivono sotto la minaccia del virus ebola, particolarmente in Guinea, Sierra Leone, Liberia, Senegal e Nigeria.

Bann_Ebola_girl_italianoChiedo a tutti gli avventisti nel mondo di dedicare, sabato 11 ottobre, una giornata speciale di preghiera per i nostri fratelli e le nostre sorelle in Africa occidentale e per l’intera popolazione della regione, che devono affrontare questa tragedia senza precedenti. Preghiamo che Dio ponga fine alla diffusione di questo virus così aggressivo.

Ho avuto il meraviglioso privilegio di vivere e servire per nove anni come missionario nell’Africa occidentale, insieme con mia moglie e la mia famiglia. Per questo i nostri cuori vanno alle famiglie delle oltre 2.800 persone decedute a causa dell’epidemia. Dopo aver appreso dal Centro per il controllo e prevenzione delle malattie degli Stati Uniti che entro gennaio i casi di contagio oscilleranno tra 550.000 e 1,4 milioni, e dall’Organizzazione Mondiale della Sanità di un tasso di mortalità del 71 per cento, siamo devastati dal potenziale distruttivo di questa epidemia.

NewBanner_EbolaCrisis_ITALIANOVoglio che la Chiesa avventista mondiale e in particolare i membri della regione Africa Centro-Occidentale sappiano che presso la sede centrale della denominazione preghiamo per loro, e siamo legati globalmente dalla speranza nella potenza di Dio che salva.

Ci sono molte iniziative che la Chiesa avventista e le sue organizzazioni portano avanti per offrire aiuto in questa crisi africana tanto impegnativa. Potrete sentire parlare o vedere ciò sulle testate di Ann, Adventist Review, Adventist World, o tramite il canale televisivo Hope Channel e l’Adventist World Radio, e altrove.

Giovedì, 25 settembre, l’Agenzia Avventista per lo Sviluppo e il Soccorso (Adra) ha organizzato un evento di preghiera nell’atrio della sede della Conferenza Generale (l’organismo amministrativo più elevato della denominazione), negli Stati Uniti, e molti se ne sono aggiunti tramite Google Hangout.

Domani, 1° ottobre, l’Associazione pastorale della Conferenza Generale lancerà una campagna di preghiera mondiale per le persone colpite dal virus ebola. Da tutto il mondo arrivano espressioni di sostegno attraverso i social media e l’hashtag #UnitedinPrayer.

L’11 ottobre, durante il Consiglio annuale, ci sarà un collegamento in diretta tra i leader mondiali riuniti a Silver Spring, negli Usa, e il pastore James Golay, presidente dell’Unione avventista dell’Africa Occidentale, a Monrovia, in Liberia. Egli non parteciperà al Consiglio annuale, ma resterà nel paese per incoraggiare e sostenere i membri di chiesa in questo periodo molto traumatico; sarà però collegato elettronicamente con gli incontri in America. Avremo così da lui un rapporto di prima mano sulla situazione critica nei territori di Guinea, Sierra Leone e Liberia, dove ci sono 33.000 avventisti. Dopo la relazione del pastore Golay, ci sarà uno speciale incontro di preghiera in favore di quanti vivono in questa situazione devastante.

Per favore, ricordatevi della speciale giornata di preghiera, sabato 11 ottobre, per la popolazione dell’Africa occidentale che deve confrontarsi con la rapida diffusione del virus ebola.

Inoltre, desidero far sapere a coloro che abitano in Africa occidentale che pregheremo il nostro Creatore, Salvatore e Grande medico non solo durante il sabato, ma ogni giorno e ora per le persone colpite da questa crisi. Preghiamo con fervore … perché Cristo ritorni presto, così malattie, sofferenze, virus ebola, paura e morte saranno sconfitti dalla potenza di Dio che salva per l’eternità. Vieni Signore Gesù!”.