mercoledì, Novembre 20, 2019
Home > Mondo > È ancora emergenza umanitaria in Yemen

È ancora emergenza umanitaria in Yemen

Secondo una ricerca delle Nazioni Unite, se la guerra continuerà per alcuni anni, il Paese diventerà il più povero del mondo. E a soffrire sono soprattutto i bambini.

HopeMedia Italia – È uno dei conflitti di cui si parla meno, ma la guerra in Yemen continua a portare morte e distruzione tra la popolazione stremata. Chi non perde la vita sotto i bombardamenti, muore per fame e malattie. I bambini sono le vittime più vulnerabili.

Qualche sera fa, il programma Propaganda Live di La 7 ha trasmesso il racconto di Francesca Mannocchi e Alessio Romenzi sulla guerra in Yemen. La giornalista e il fotoreporter hanno percorso 1.400 chilometri in clandestinità per documentare l’emergenza alimentare e sanitaria in questo Paese dove anche gli ospedali vengono bombardati. In una delle loro tappe hanno incontrato un ospedale di Adra (Agenzia Avventista per lo Sviluppo e il Soccorso). Il reportage mostra immagini strazianti di bambini malnutriti e il senso di impotenza di padri disoccupati e senza alcuna prospettiva di lavoro, incapaci di mantenere la famiglia. E si conclude con un’infermiera che accompagna una mamma e sua figlia denutrita nell’ospedale di Adra.

L’agenzia umanitaria avventista opera nel Paese dal 1995 e, dall’inizio del conflitto, ha intensificato gli interventi per offrire assistenza salva-vita e sanitaria a oltre 445.000 persone in una delle regioni più povere nel nord del Paese.

“Adra svolge in Yemen programmi di sicurezza alimentare, disinfezione dell’acqua, igiene e attività di educazione alla salute” spiega Dag Pontvik, direttore di Adra Italia, ai microfoni di Radio Voce della Speranza (Rvs).

Dalla pagina Facebook di Adra Yemen apprendiamo che l’agenzia, in coordinamento con il Ministero della Salute yemenita e grazie alle donazioni di Plumpy Doz (un cibo speciale per combattere la malnutrizione nei bambini con meno di due anni) ricevute da Edesia e Moas, ha iniziato a distribuire questi prodotti nei governatorati di Lahj, Abyan e Al Dhale’e. Ne beneficeranno 8.000 bambini malnutriti.

Povertà estrema
Il conflitto in Yemen ha innescato la più grave crisi umanitaria dall’ultima guerra mondiale. Secondo un rapporto pubblicato il 9 ottobre dall’Undp (Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo), diventerà il Paese più povero se la guerra dovesse continuare ancora per alcuni anni. Lo studio, riportato da AsiaNews, evidenzia che “se i combattimenti continuano fino a tutto il 2022” la nazione risulterà “la più povera al mondo” con il 79% della popolazione “al di sotto della soglia di povertà”. Già oggi, il 65% degli abitanti del Paese è “classificato come estremamente povero”. A causa della guerra, la povertà nello Yemen è passata dal 47% della popolazione nel 2014 al 75% (previsto) per la fine del 2019.

L’emergenza è anche sanitaria. Adra cerca di intervenire per arginare le infezioni di colera.
“Gli operatori di Adra in Yemen vivono in un contesto di fragilità, ma comunque intervengono cercando di dare alla comunità anche elementi di resilienza e di resistenza per affrontare le situazioni difficili” aggiunge Pontvik “Secondo un rapporto di Oxfam, sono stati registrati 2 milioni di casi sospetti di colera in meno di tre anni. Con una media di 80 casi al giorno”.

Ascolta l’intervista a Dag Pontvik.

[Foto: Adra Yemen. L’immagine dell’ospedale è tratta dal reportage di “Propaganda Live”]