sabato, Febbraio 23, 2019
Home > Italia > Dai culti ammessi alla libertà religiosa. Convegno al Senato promosso da Fcei e Ccers

Dai culti ammessi alla libertà religiosa. Convegno al Senato promosso da Fcei e Ccers

Liberta?_religiosa_locandina_DEFINITIVORadio Voce della Speranza di Roma intervista il past. Davide Romano

Notizie Avventiste – Lunedì 16 e martedì 17 febbraio si svolge a Roma, presso il Senato della Repubblica, il convegno “Dai culti ammessi alla libertà religiosa”, promosso dalla Federazione delle chiese evangeliche in Italia (Fcei), in collaborazione con la Commissione delle chiese evangeliche per i rapporti con lo Stato (Ccers).

L’obiettivo è sollecitare le forze politiche ad affrontare con impegno e urgenza la questione di una legge in materia di libertà religiosa. In una società sempre più multiculturale e multireligiosa qual è attualmente quella italiana, la libertà religiosa continua a essere regolata dalla legislazione di epoca fascista sui “culti ammessi”. Negli ultimi decenni, è sì aumentato il numero di confessioni che hanno stipulato un’Intesa con lo Stato, ma varie proposte di innovazione legislativa del quadro normativo generale, che regolamenta il rapporto tra lo Stato e le varie comunità di fede, non hanno ancora dato risultati.

Al convegno parteciperanno numerosi esperti italiani ed europei, tra i quali Nunzio Galantino, Silvio Ferrari, Francesco Margiotta Broglio, Valdo Spini, Paolo Naso, Roberto Zaccaria. Dalla Facoltà avventista di teologia, sarà relatore Tiziano Rimoldi.

Pensando a questo evento, tanti sono gli interrogativi che vengono alla mente: Come mai la scelta di questo tema? Quali sono le maggiori criticità in merito alla libertà religiosa nel nostro paese? Firmare un’Intesa con lo Stato è un passo importante per le confessioni religiose, o non è ancora sufficiente? Durante il convegno si parlerà dell’ipotesi di un diritto europeo delle religioni. È qualcosa di auspicabile, di praticabile? Fcei e Ccers seguono con interesse l’elaborazione di un testo di legge in materia di libertà religiosa a cura di un gruppo di giuristi con il quale hanno mantenuto costanti rapporti. Il frutto di questo lavoro potrebbe essere importante una volta giunto a maturazione?

Mario Calvagno e Carmen Zammataro, di Radio Voce della Speranza (Rvs) di Roma, hanno rivolto queste e altre domande al past. Davide Romano, direttore del dipartimento Affari pubblici e Libertà religiosa dell’Unione italiana delle chiese cristiane avventiste del settimo giorno. Per ascoltare l’intervista cliccare qui.