lunedì, Agosto 3, 2020
Home > Mondo > Corea del Sud. Gli interventi di Adra nell’emergenza Covid-19

Corea del Sud. Gli interventi di Adra nell’emergenza Covid-19

Notizie Avventiste – Sono oltre 8.400 i casi di Covid-19 e 84 i decessi confermati, al 18 marzo, nella Corea del Sud. Ma il ritmo delle nuove infezioni mostra segni di rallentamento. Le autorità locali hanno attuato diverse restrizioni per contenere la trasmissione del virus e messo in quarantena i casi noti. Ogni giorno si effettuano circa 15.000 test sui tamponi prelevati dagli operatori sanitari, vestiti con tute e occhiali protettivi, nei centri “drive-through”, agli automobilisti.

“Sono necessari termometri frontali a infrarossi senza contatto per prevenire la diffusione del coronavirus nelle aree pubbliche. Inoltre, il governo ha iniziato a regolamentare l’uso delle mascherine vendendole” ha affermato Jong-Min Lim, direttore nazionale di Adra (Agenzia Avventista per lo Sviluppo e il Soccorso) in Corea del Sud.

“Si possono acquistare fino a due maschere a persona ogni settimana” ha aggiunto “In base al sistema di rotazione di cinque giorni, il giorno per l’acquisto di maschere è determinato dall’ultima cifra dell’anno di nascita di una persona”. Questa regolamentazione è dovuta al fatto che pur se i tassi di mortalità sono diminuiti, le precauzioni rimangono per contenere ulteriori focolai.

Adra attualmente svolge il sui servizio a Bonghwa, Chungdo, Daegu, Andong, Ui-seong, Yeong-cheon e Pohan nella provincia di Gyeongbuk per valutare i bisogni immediati.

“La maggior parte delle persone non vogliono prodotti alimentari” ha spiegato Lim “per questo Adra fornisce buoni in denaro che aiuteranno gli sfollati a causa della pandemia a comprare ciò di cui hanno bisogno per loro e le loro famiglie”. Studi dimostrano, aggiunge Lim, che l’uso del denaro aiuta le famiglie, in particolare quelle più vulnerabili e a basso reddito, a sbarcare il lunario durante i periodi di crisi.

Nelle province di Bonghwa e Chungdo, Adra ha distribuito 500 pacchi di alimenti alle strutture mediche e altri 300 nella città di Gyeongsan, per le famiglie vulnerabili.

“Per garantire la sicurezza del nostro team, collaboriamo con il Dipartimento Salute dell’Unione di Federazioni avventiste della Corea del Sud nel monitorare la temperatura corporea del personale” ha detto Lim “In qualità di soccorritori, dobbiamo proteggere la nostra salute in modo da poter continuare a fornire assistenza”.

Le chiese avventiste delle regioni di Daegu e Kyeong-buk, dove vi è il numero maggiore di malati di Covid-19, distribuiscono disinfettanti per le mani prodotti da loro stesse. “Hanno offerto bottiglie di disinfettanti per le mani alle persone nelle strade, nei negozi e nelle case” conferma Lim che aggiunge “Il personale di Adra, dell’Unione, delle Federazioni e delle chiese locali si sono mobilitati per donare il sangue”, in quanto si è verificata una diminuzione delle scorte negli ospedali.

In Corea del Sud, come in altri Paesi del mondo, è diminuito il turismo e si è registrao un impatto negativo su esportazioni e produzione di industrie e aziende. L’inizio del semestre primaverile delle scuole materne, elementari, medie e superiori è stato rinviato due volte. Nel frattempo, il Ministero dell’istruzione coreano prevede di fornire libri di testo digitali e di offrire lezioni online per evitare lacune nella formazione degli studenti.

[Fonte: Adventist Today. Foto: Adra Corea del Sud]