lunedì, Agosto 3, 2020
Home > Mondo > Consegnato il premio nazionale all’ospedale avventista di Berlino che cura le vittime di MGF

Consegnato il premio nazionale all’ospedale avventista di Berlino che cura le vittime di MGF

csm-MGF_Louise_Medal_WaldfriedeLa medaglia Louise Schroeder è assegnata a individui e organizzazioni per il loro sostegno alla pace, alla giustizia sociale e all’uguaglianza di genere.

EUDnews/Notizie Avventiste – Aiutare le donne che hanno sofferto il trauma orrendo della mutilazione genitale è diventata una missione vitale per la dott.ssa Cornelia Strunz. Vederla interagire con le donne negli incontri di gruppo, fa capire quanto amore ed entusiasmo porta nel suo lavoro. La dottoressa aiuta le donne a trovare una soluzione alle terribili conseguenze delle mutilazioni genitali femminili (MGF).

Il 21 aprile 2016, Ralf Wieland, presidente della Camera dei Rappresentanti di Berlino, ha consegnato la medaglia Louise-Schroeder alla dott.ssa. Strunz e a Evelyn Brenda, quali rappresentanti di tutta l’equipe interdisciplinare della Fondazione Desert Flower (Fiore del deserto), aperta l’11 settembre 2013 in collaborazione con l’ex modella Waris Dirie, vittima di MGF all’età di cinque anni e ora attivista internazionale per i diritti delle donne.

La Fondazione Desert Flower si trova nel Krankenhaus Waldfriede (ospedale di Berlino), gestito dalla Chiesa cristiana avventista nella Regione Intereuropea della denominazione. La medaglia è assegnata come riconoscimento a meriti speciali in favore della democrazia, della pace, della giustizia sociale e dell’uguaglianza di genere. L’evento è stato riportato dalla stampa e dalla televisione e ha anche acceso i riflettori sulla condizione di milioni di donne in tutto il mondo.

Louise Schroeder (1887-1957) dedicò tutta la sua vita all’instancabile lotta per la parità di trattamento delle donne. Il suo nome è strettamente legato alla difesa della democrazia, alla partecipazione delle donne in politica e all’impegno contro l’ingiustizia e l’abuso di potere.

(Foto: Cornelia Strunz/Regione Intereuropea)