domenica, Settembre 27, 2020
Home > Mondo > Caso del neonato morto per malnutrizione in Inghilterra

Caso del neonato morto per malnutrizione in Inghilterra

NA - Notizie AvventisteI genitori non seguivano la dieta alimentare raccomandata dagli avventisti. Influenze esterne tra le cause della tragedia

Notizie Avventiste – Un incidente in Inghilterra, in cui un bambino è morto per malnutrizione, ha portato l’attenzione dei media sulla corretta comprensione delle raccomandazioni alimentari della Chiesa avventista de 7° giorno. I dirigenti della denominazione hanno risposto affermando che la dieta equilibrata raccomandata dalla Chiesa avrebbe potuto evitare la tragedia.

Nkosiyapha Kunene e sua moglie Virginia si sono dichiarati colpevoli di omicidio colposo davanti al tribunale, il mese scorso, per il decesso del loro bimbo di cinque mesi, Ndingeko, morto di rachitismo nel 2012. L’accusa, hanno riportato i media, ha sostenuto che la coppia aveva sottoposto il bambino a una “dieta rigorosa a causa della loro fede”. La sentenza di condanna sarà emessa il 28 febbraio.

La British Union Conference (Buc) della Chiesa avventista ha rilasciato una dichiarazione, la settimana scorsa, in cui afferma che la coppia era membro della denominazione al momento del matrimonio, nel 2009, ma poi i due non hanno frequentato regolarmente nessuna chiesa avventista specifica.

“Sembrerebbe che durante questo periodo, alcune influenze esterne abbiano spinto la famiglia ad allontanarsi dalla loro ‘casa’ spirituale e, di conseguenza, dai consigli e dal sostegno che avrebbero ricevuto all’interno di una comunità avventista”, ha spiegato Sharon Platt-McDonald, responsabile dei Ministeri della Salute presso la Buc. “Purtroppo, questo li ha portati a fare scelte sulla salute che non erano nell’interesse del loro bambino. Siamo stati molto addolorati nell’apprendere di questa tragedia”.

Platt-McDonald ha anche aggiunto che i professionisti avventisti della salute “raccomandano sempre ai membri di chiesa di cercare e ascoltare i consigli dei medici”, e inoltre la denominazione organizza regolarmente incontri sulla salute sia pubblici sia per i membri.

Il rachitismo è dovuto a una grave carenza di vitamina D che aiuta l’organismo ad assorbire il calcio.

“La Chiesa non ha mai portato le persone a seguire diete estreme, sbilanciate e senza una base scientifica “, ha affermato Peter Landless, responsabile dei Ministeri della Salute presso la Chiesa avventista mondiale. “Continuiamo a consigliare la migliore alimentazione disponibile nei territori geografici in cui le persone vivono”.

Una delle raccomandazioni della denominazione, ha aggiunto Landless, è quella di seguire una dieta alimentare equilibrata che comprenda anche l’uso di integratori quando è necessario, “e ciò non è raro durante la prima infanzia”.

Gli avventisti sono diventati ben noti, negli ultimi anni, per essere uno dei gruppi di persone più longeve. I primi risultati di uno studio sugli avventisti, in corso negli Stati Uniti, sono stati ampiamente riportati lo scorso anno dalle principali agenzie di stampa internazionali. Lo studio, in parte sponsorizzato dal National Institutes of Health, ha confermato i benefici della dieta vegetariana.

Nel libro “Blue Zones”, pubblicato nel 2008, Dan Buettner parla diffusamente dei principi di salute degli avventisti e della loro più elevata aspettativa di vita.