giovedì, Aprile 9, 2020
Home > Mondo > Avventisti vittime di un agguato in Papua Nuova Guinea

Avventisti vittime di un agguato in Papua Nuova Guinea

Attaccati e uccisi da una tribù rivale mentre si recavano a predicare. Il presidente della chiesa: “Basta guerre tribali nel Paese”.

Notizie Avventiste – La chiesa avventista del settimo giorno in Papua Nuova Guinea (Png) ha condannato la recente uccisione di alcuni membri di chiesa a Pialya, in provincia di Enga. Il past. Kepsie Elodo, presidente della denominazione in Png, ha evidenziato l’ingiustizia di uccidere intenzionalmente i propri simili e ha chiesto la fine delle guerre tribali nella regione delle Highlands e in altre parti della nazione.

“Condanno l’uccisione di un diacono e di altre due persone da parte di tribù opposte. A nome della chiesa esprimo cordoglio e vicinanza alle loro famiglie in lutto” ha detto Elodo “Sono omicidi totalmente immotivati. La vita umana deve essere rispettata perché siamo figli di Dio”.

Il 2 marzo, il gruppo era sulla strada per Komaga, dove si recava per predicare, quando una tribù nemica gli ha teso un’imboscata. Sono stati uccisi un diacono e due persone che si preparavano per il battesimo. Altre due persone sono rimaste ferite e portate in ospedale.

“Le guerre tribali devono finire. Costano la vita a tante persone innocenti” ha detto Elodo “Chiediamo aiuto a Dio e a coloro che possono negoziare la pace”.

Situazione della chiesa in Png
L’aumento della violenza tra le tribù avviene in un momento in cui la chiesa avventista in Papua Nuova Guinea ha chiuso gli uffici come misura preventiva alla luce della crescente diffusione di Covid-19.

Dopo lo stato di emergenza annunciato dal governo, gli uffici della denominazione a Lae, la missione locale e gli uffici delle Federazioni di chiese avventiste in tutto il Paese sono chiusi. Dovrebbero riaprire il 14 aprile. Chiuderanno anche tutte le scuole gestite dalla chiesa, tra cui il Sonoma Adventist College. Resteranno aperte, invece, le strutture sanitarie avventiste. Fino al 30 aprile, infine, sono bloccati tutti i viaggi del personale. Anche il Servizio aereo avventista ha interrotto, a tempo indeterminato, le sue attività. Sospesi i servizi religiosi nelle chiese.

“Seguiamo le disposizioni del governo per contenere la diffusione del coronavirus… non ci saranno riunioni in chiesa nelle prossime settimane. Tuttavia, incoraggio tutti gli avventisti a continuare a pregare e a studiare la Bibbia in famiglia e in piccoli gruppi” ha spiegato Elodo “E mentre studiamo e preghiamo, non vediamo l’ora che Gesù Cristo torni presto. Pregate continuamente per l’emergenza coronavirus e le persone colpite”.

Elodo ha anche incoraggiato tutti a sintonizzarsi sulle frequenze di Hope FM per ascoltare i messaggi di speranza. La radio trasmetterà sermoni, consigli sulla salute e messaggi sul coronavirus.

Nel frattempo, “Png for Christ”, la più importante iniziativa evangelistica, programmata dall’1 al 16 maggio, e la XVI Assemblea amministrativa della regione, prevista per il 20-23 settembre, sono state rinviate fino a nuove disposizioni.

[Fonte: Adventist Review. Foto: Adventist Record]