giovedì, Agosto 13, 2020
Home > Italia > Avventisti a Parma. Consegnate 400 mascherine al reparto rianimazione dell’Ospedale Maggiore

Avventisti a Parma. Consegnate 400 mascherine al reparto rianimazione dell’Ospedale Maggiore

Altre 100 sono state recapitate all’Assistenza Pubblica della città.

HopeMedia Italia – La chiesa avventista di Parma ha donato 400 mascherine del tipo Ffp2, marchiate CE, a medici e operatori sanitari del reparto di rianimazione dell’Ospedale Maggiore. I dispositivi di protezione individuale sono stati consegnati al dott. Luciano Bortone e alla dott.ssa Sandra Rossi, primaria del reparto rianimazione, venerdì 24 aprile.

Altre 100 mascherine sono arrivate ai volontari dell’Assistenza Pubblica, nelle mani del presidente, Roberto Carvin.

“Qui la situazione è molto tesa sia per i problemi economici, sia per il divieto di movimento e, naturalmente, vi è ancora un po’ di timore per il Covid-19” spiega Daniele La Mantia, pastore della chiesa avventista di Parma “Però, non ci siamo fermati ed effettuiamo la distribuzione alimentare in chiesa; poi, Ivano Santona, responsabile del coordinamento locale di Adra, ed io andiamo anche nella provincia parmigiana”.

In città è operativo uno dei 33 coordinamenti locali di Adra Italia, dove è attivo il progetto “Distribuzione Alimentare” finanziato dall’8xmille avventista. Tramite la collaborazione con il Banco Alimentare, 30 famiglie di Parma e provincia ricevono pacchi con derrate alimentari e beni di prima necessità.

“Le famiglie che si rivolgono a noi” aggiunge La Mantia “sono aumentate durante l’emergenza Covid-19 ed è difficile intercettarle a causa della loro reticenza a chiedere aiuto. A volte, però, alcuni escono dalla spirale del silenzio, lanciando un messaggio di aiuto. Grazie alla segnalazione della Fondazione Adventum, che si occupa di soggetti sovraindebitati, abbiamo portato alimenti e beni di prima necessità a una famiglia di giostrai composta da quattro adulti e due bambini, uno di 7 anni e l’altro di 4 mesi”.

 

 

[Foto: chiesa avventista di Parma]