lunedì, settembre 24, 2018
Home > Italia > ADRA Svizzera assiste i rifugiati siriani in Libano

ADRA Svizzera assiste i rifugiati siriani in Libano

AdraSvizera_assiste_rifugiati_LibanoLa guerra civile in Siria continua da quasi sei anni e sono ancora molti a cercare rifugio nel vicino Libano, dove c’è la più alta densità di rifugiati stranieri del mondo.

EUDnews/Notizie Avventiste – La guerra civile in Siria dura ormai dalla primavera del 2011 e tanti cittadini fuggono, cercando rifugio nel vicino Libano che è diventato il paese con la più alta densità di rifugiati stranieri del mondo.

Molte famiglie di profughi vivono a Beirut e nella zona circostante. Questa regione non ha solo un alto tasso di disoccupazione, ma anche un elevato costo della vita. La mancanza di risorse finanziarie e i prezzi in costante aumento rendono sempre più difficile a siriani e libanesi affrontare le numerose sfide. Più lunga è la crisi, maggiore è il numero delle persone che soffrono. Nel 2014, il 49 per cento dei siriani registrati in Libano viveva sotto la soglia di povertà. Nel 2015 ha raggiunto il 70 per cento. Non ci sono miglioramenti in vista, il lavoro continua a scarseggiare, la vita costa sempre di più e spesso le famiglie non hanno il necessario per vivere. Inoltre, in inverno servono ulteriori risorse per comprare coperte, vestiti caldi e combustibile. Le famiglie più povere hanno grosse difficoltà a garantire la propria sopravvivenza.

Per questo ADRA Svizzera ha iniziato un progetto di tre mesi, da gennaio a marzo, per sostenere 216 famiglie siriane e 54 libanesi (270 in tutto) a Beirut, con 100 dollari mensili, per coprire le spese invernali. Sono le stesse famiglie che decidono come spendere il denaro, secondo le necessità più urgenti. Il team del progetto ha consegnato una e-card a un membro di ogni famiglia, che è diventato responsabile dell’utilizzo e della gestione del denaro, e ha ricevuto informazioni su come usare la card; il tutto è stato anche riassunto in un opuscolo in lingua locale. È stato anche attivato un numero di telefono per domande o reclami. In casi particolari, dove necessario, ADRA ha visitato le famiglie per dare spiegazioni più dettagliate.

Questo progetto, pur se piccolo paragonato alla vastità dei bisogni, dà la possibilità a 270 famiglie povere di superare l’inverno.