giovedì, Giugno 20, 2019
Home > Mondo > Adra aiuta ad accogliere i rifugiati venezuelani

Adra aiuta ad accogliere i rifugiati venezuelani

Centinaia di persone hanno attraversato la frontiera con il Brasile. Anche l’agenzia umanitaria avventista in Italia partecipa al progetto di soccorso.

Notizie Avventiste – Quando il confine venezuelano con il Brasile è stato chiuso lo scorso febbraio, bloccando gli aiuti umanitari inviati al popolo venezuelano, molti si sono ribellati, specialmente nelle comunità di confine. Gli scontri con l’esercito venezuelano hanno diffuso paura e disperazione.

Centinaia di residenti, molti dei quali avventisti del settimo giorno, hanno attraversato la frontiera con il Brasile, dove sono stati accolti dalle comunità locali nell’area di San Marcos, nello stato di Roraima. Il numero degli abitanti si è improvvisamente moltiplicato.

“Non appena è iniziato il conflitto, abbiamo ricevuto una richiesta di aiuto e abbiamo iniziato ad aiutare le persone che arrivavano”, ha affermato Aldino Alves, leader locale “Poiché siamo della stessa etnia taurepang, con molti avventisti su entrambi i lati del confine, comunicare e adattarsi non è stato difficile”.

In collaborazione con l’esercito brasiliano, la comunità ha accolto tutti coloro che riuscivano ad attraversare il confine. “Aiutiamo tutti gli immigrati, fornendo loro servizi di base, sicurezza e assistenza” ha dichiarato il comandante della base militare di Paracaima, Antonio Vamilton “E stiamo studiando come aiutarli al meglio”.

Aiuto provvisorio
Con il significativo aumento della popolazione in così poco tempo, i residenti hanno presto esaurito le scorte alimentari e gli alloggi. Per questo, Adra Roraima, in collaborazione con l’esercito brasiliano e altre organizzazioni umanitarie, ha raccolto centinaia di materassi, coperte e una tonnellata di cibo. Ha anche organizzato un gruppo di volontari.

“Abbiamo distribuito provviste per alleviare la fame e la sofferenza delle famiglie” ha affermato un referente dell’Agenzia umanitaria avventista “in modo che sia a loro garantito un minimo di dignità umana”.

Tra i residenti e i rifugiati ci sono molti bambini, donne incinte e anziani, sia brasiliani sia venezuelani, e per loro ricevere assistenza è una benedizione di Dio.

Secondo il presidente della Chiesa avventista del nord-ovest del Brasile, Gilmar Zahn, questo aiuto è fondamentale ma occorre fare molto di più. “Siamo qui con Adra e l’esercito brasiliano per distribuire assistenza di primo soccorso, ma anche per valutare la situazione attuale” ha spiegato “mentre cerchiamo di trovare i mezzi per aiutare tutti i residenti di questa comunità in modo più efficace”.

Anche Adra Italia è impegnata nella risposta a questa crisi, attraverso un progetto del network a favore del Venezuela.