giovedì, Agosto 22, 2019
Home > Mondo > 16 avventisti tra le vittime di ebola in Africa occidentale

16 avventisti tra le vittime di ebola in Africa occidentale

N34-Mondo_EbolaIl rapporto presentato al Consiglio annuale della denominazione dal responsabile della Chiesa in Africa durante un collegamento video

Notizie Avventiste – L’epidemia di ebola in Africa occidentale ha provocato la morte anche di 16 avventisti del 7° giorno.
“La popolazione soffre”, ha affermato James Golay, presidente della Chiesa avventista in Africa occidentale, che tramite un collegamento video ha parlato direttamente con i dirigenti riuniti presso la sede della denominazione mondiale, per il Consiglio annuale d’autunno.

James Golay avrebbe dovuto partecipare all’incontro, ma è rimasto a casa. Le organizzazioni sanitarie e i funzionari della chiesa incoraggiano le persone a limitare al minimo i viaggi da e per l’Africa occidentale, preoccupati per la diffusione della malattia che ha ucciso oltre 4.000 persone.

Sabato 11 ottobre, la chiesa nel mondo ha pregato per le vittime di ebola e perché l’epidemia si fermi. “Chiediamo alla chiesa globale di pregare oggi e di non smettere di pregare”, ha affermato Ted NC Wilson, presidente della denominazione.

Il past. Golay ha spiegato che oltre al terribile contagio, gli effetti del virus si fanno sentire anche nella vita sociale delle comunità: gli avventisti ora evitano alcune abitudini come salutarsi stringendo la mano o abbracciandosi.

L’epidemia di Ebola in Africa occidentale è la più complessa da quando la malattia è stata scoperta, nel 1976, in Africa centrale, e allora si ritenne che fossero stati gli animali a trasmettere il virus agli esseri umani. L’attuale epidemia, che ha un tasso di mortalità del 50 per cento, si pensa che abbia avuto inizio in Guinea, alla fine di dicembre, e si sia diffusa in Sierra Leone, Liberia e in altri paesi.

Il virus si diffonde per contatto diretto, come ad esempio attraverso lesioni della pelle o le mucose; sangue e secrezioni; e il contatto con superfici contaminate da questi fluidi. Nonostante la virulenza, ebola si può prevenire lavandosi regolarmente le mani e usando dispositivi di protezione individuale.

L’Agenzia Avventista per lo Sviluppo e il Soccorso (Adra) ha inviato nei luoghi della crisi attrezzature sanitarie per un valore di decine di migliaia di dollari.  In collaborazione con Loma Linda University, Adventist Health International e GlobalMedic, Adra ha rifornito  l’ospedale avventista Cooper, a Monrovia in Liberia, e il Ministero liberiano della Salute con 92 mila dollari di materiale sanitario, tra cui: 60.000 guanti in vinile, 38.000 mascherine, 3.200 abiti di isolamento e 600 tute monouso.

L’ospedale Cooper, dove sono morte tre persone, ha chiuso per un periodo di quarantena di tre settimane. Anche un’altra struttura sanitaria avventista dell’Africa occidentale, l’ospedale Waterloo, ha chiuso in seguito al decesso di diversi membri dello staff che avevano contratto il virus nella comunità. Quando il Waterloo riaprirà sarà una clinica di ebola gestita dal governo.

Inoltre, Adra in Sierra Leone offre consulenza alle vittime, formazione del personale e dei volontari, e una campagna di educazione pubblica che include informazioni sulla prevenzione del virus, tramite volantini, manifesti e programmi televisivi.