mercoledì, Agosto 5, 2020
Home > Mondo > 120 anni di avventismo in Messico

120 anni di avventismo in Messico

Le celebrazioni nella capitale agli inizi di marzo.

Notizie Avventiste – Si è festeggiato a Città del Messico, il 120° anniversario di presenza della chiesa avventista nel Paese sudamericano. Dirigenti e fedeli si sono riuniti nella comunità di Tacubaya, agli inizi di marzo (prima delle restrizioni Covid-19), per ricordare le benedizioni di Dio e la diffusione del messaggio avventista in tutta la nazione. L’evento ha avuto spazio sul sito della Regione interamericana della denominazione.

Tacubaya è stata la prima chiesa avventista del settimo giorno organizzata in Messico. Nel 1891, un missionario avventista italiano, Salvatore Marchisio, giunse nella capitale e distribuì 2.500 copie del libro Il gran conflitto, scritto da Ellen G. White, co-fondatrice della denominazione. In seguito, nel 1899, George Washington Cavines, insieme ad altri missionari, fondò la prima chiesa avventista situata nel sobborgo di Escandon, come si ricorda il past. Velino Salazar nel suo volume 100 Años del Adventismo in Messico.

Oggi, a Città del Messico e nella sua area metropolitana sono presenti 254 chiese avventiste frequentate da oltre 88.000 fedeli. Nell’intero Paese, la denominazione è organizzata in cinque grandi distretti ecclesiali che gestiscono più di 4.691 chiese locali, dove si riuniscono oltre 781.000 membri. “Dopo la prima chiesa sono state fondate la casa editrice; la prima scuola che in seguito si è stabilita a Montemorelos, nello stato del Nuevo Leon; e successivamente la casa di cura. In pratica abbiamo assistito al grande sviluppo dell’opera in Messico” ha affermato David Javier, presidente del locale gruppo editoriale avventista “Gema Editores”.

Durante il programma delle celebrazioni è stata svelata una targa commemorativa, Non sono mancate le testimonianze di alcuni pastori che hanno servito la comunità negli anni, e di laici. “Ricordo bene il vecchio edificio della chiesa” ha affermato Noe Luna, un membro anziano della comunità locale. Nel 1960, la chiesa fu ricostruita per ospitare 400 persone, sostituendo la struttura originale molto più piccola. “Ero un ragazzo quando hanno deciso di ingrandire la chiesa. Hanno demolito tutto e costruito un nuovo edificio più capiente” ha aggiunto.

Angel Ramírez, pastore emerito che ha servito la chiesa di Tacubaya negli anni ’70, ha ricordato il giorno in cui furono battezzate 100 persone ma anche l’arrivo delle nuove panche e la costruzione della casa di cura accanto alla chiesa. “Sono trascorsi 48 anni da quando ho servito questa comunità” ha affermato Ramírez “Siamo cresciuti come chiesa e, oltre alla casa di cura, abbiamo sostenuto la scuola avventista ‘Ignacio Altamirano’”.

Videomessaggi di dirigenti della denominazione e di vari pastori hanno incoraggiato la comunità della capitale e continuare a testimoniare di Gesù e a diffondere la solidarietà. “Rimanete forti e fedeli, condividendo la speranza del vangelo ovunque andiate” ha concluso César Hernández, presidente della Federazione Azteca messicana della chiesa.
[LF]

[Foto: Claudia Diaz]