lunedì, febbraio 19, 2018
Home > Italia > Un’occhiata ai nostri periodici

Un’occhiata ai nostri periodici

Copertina MA novembre 2015Il Messaggero Avventista

Notizie AvventisteFare squadra per fare goal! Riconoscere la voce dell’allenatore è il titolo di copertina del Messaggero Avventista di novembre, il mensile dell’Unione Italiana delle Chiese Cristiane Avventiste del Settimo Giorno. Questa metafora sportiva è ripresa nell’articolo interno che presenta il messaggio del past. Andrei Cretu, pronunciato all’apertura del nuovo anno accademico della Facoltà Avventista di Teologia, in cui indica tre tappe seguite da Gesù per formare la sua squadra di discepoli. “Gesù chiama i suoi discepoli a uscire dalla folla”, esordisce il past. A. Cretu, “per far parte della sua squadra. La folla è il posto dove si resta anonimi, dove nessuno chiede dedizione, lealtà, sacrifici. La squadra, invece, è il luogo dove ti identifichi con Cristo, segui i suoi passi”.

Ma come riconoscere la voce del “buon pastore”? A questa domanda risponde l’articolo del past. Davide Mozzato, La voce dell’estraneo, che parte dal testo del vangelo di Giovanni: “Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le conosco ed esse mi seguono” (10:27).

Tradizionalmente a novembre si ricordano i cari scomparsi ed è a “tutti coloro che piangono per un lutto” che il direttore della rivista, past. Saverio Scuccimarri, dedica il suo editoriale Chi muore si rivede. La speranza di chi crede.

Il libro biblico di Daniele è ricco di insegnamenti e di importanti profezie sulla storia del mondo. Nella rubrica “Una parola per oggi”, il past. Gaetano Pispisa parla di Daniele e dei suoi compagni nell’articolo Vivere a Babilonia senza subirne il fascino, e ci fa ripercorrere l’esperienza dei quattro giovani rampolli della corte del re di Giuda, deportati a Babilonia e costretti ad affrontare ostacoli insormontabili per conservare la vita e la fede. Il loro percorso, le loro scelte possono far riflettere e stimolare anche i lettori di oggi.

Nella mia debolezza, la potenza di Dio è l’articolo di Matteo Calà in cui racconta il suo secondo viaggio come missionario in Congo, per il progetto umanitario “Una stella per Songa”, a sostegno dell’ospedale di Songa. Progetto che egli segue e promuove da svariati anni, per aiutare i bambini che vivono in situazioni estreme e pericolose.

L’inserto staccabile di questo mese offre al lettore nuovi strumenti di approfondimento e testimonianza: “Tuo padre, che tipo è?”, studio biblico del past. Samuele Barletta sul carattere di Dio; “Un santuario da purificare. Dio stesso libererà la sua casa”, del past. Saverio Scuccimarri su una profezia del libro di Daniele; “Balima. Un’asinella coraggiosa”, storia per i bambini, sempre a cura del direttore; “Un appello glorioso. La vittoria sulla morte, la vita eterna”, in cui la pastora Silvia Vadi scrive ancora di musica.

Sul numero di novembre del Messaggero Avventista, Mario Calvagno e Carmen Zammataro, della radio RVS di Roma, hanno intervistato il direttore della rivista. Ascolta il programma, cliccando qui.