Rafael Cabral - (c)100x100napoliÈ con un video e una preghiera su Instagram che il portiere brasiliano del Napoli, Rafael Cabral, ringrazia Dio ed esprime tutta la sua fede.

Simona Esposito – Il video ritrae il momento cruciale della partita di Supercoppa, quello che ha siglato la tanto agognata vittoria. Il momento finale in cui Rafael ringrazia Dio per il supporto e l’aiuto e per avergli fatto sentire la sua presenza. Il portiere azzurro, infatti, è stato decisivo nella lunghissima serie dei rigori (18), finiti con l’errore finale di Padoin. Il portiere di Benitez ne ha parate due, Tevez ha tirato sul palo il suo, mentre Pereyra ha spedito la palla in curva.

Gli azzurri vincono e portano a casa il premio meritato.

Ciò che colpisce di tutto questo, però, è la fede e l’amore per il Signore che questo giocatore ha dimostrato di avere sin dall’inizio: prima di scendere in campo ha sempre rivolto una lunga preghiera, che ripete a braccia aperte indicando il cielo e in ginocchio sulla linea di porta. Non c’è una partita in cui non si veda Rafael inginocchiato a pregare. La sua fede è forte, indissolubile, lui considera Dio il suo rifugio.

L’umiltà del giovane è sicuramente da ammirare: non c’è giorno in cui il portiere non renda grazie a Dio per tutto quello che ha e per le sue capacità. Sono da ammirare la sicurezza e la forza. Anche nel periodo dell’infortunio si è sempre rimesso nelle mani di Dio e ha ringraziato più volte il Signore quando è riuscito a ritornare in campo. Che siano di monito e di ispirazione il suo atteggiamento e la sua umiltà, perché rimettersi nelle mani di Dio e avere fede vuol dire essere sicuri e ammettere che quello che si fa o si ha non proviene da se stessi ma c’è qualcuno che veglia e protegge in qualsiasi momento e che qualsiasi ostacolo o problema si può risolvere tranquillamente senza sentirsi mai soli.

Foto © 100x1000napoli.it

Condividi questa notizia con i tuoi amici…Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePin on Pinterest