Molti immigrati hanno troppa paura e scelgono di rimanere a casa.

ARnews/Notizie Avventiste – Negli ultimi mesi, la recente politica d’immigrazione degli Stati Uniti ha provocato un’ondata di paura tra le numerose famiglie avventiste dell’Unione Columbia che comprende le chiese di Delaware, Maryland, New Jersey, Pennsylvania, Ohio, Virginia e Virginia Occidentale. I timori sono così forti che molti hanno deciso di evitare di andare in chiesa.
“Nelle prime settimane dopo le elezioni, ho notato un forte calo della presenza tra i miei fedeli”, ha affermato il pastore di una chiesa di lingua spagnola nella zona di Washington D.C, “Rimangono a casa per paura”.

Peter Simpson, coordinatore dei Ministeri ispanici in Ohio, ha riferito di aver notato un calo di presenze nelle chiese avventiste di tutto il territorio. “Abbiamo visto che molti membri vivono nella paura e optano di rimanere a casa per timore di essere arrestati dall’Ufficio immigrazione mentre vanno o tornano dalla chiesa. La partecipazione è diminuita in modo significativo”, ha affermato.

Simpson ha anche comunicato che due famiglie di una piccola chiesa di lingua spagnola hanno fatto le valigie e sono tornati nel loro paese d’origine. “Erano una parte importante di quella comunità”, ha spiegato, “E ci sono varie famiglie di altre chiese che pensano di fare la stessa cosa”.

La preside di una scuola avventista in Virginia ha raccontato che alcuni genitori senza documenti hanno chiesto alla scuola di creare un registro autenticato che certifichi con chi i loro figli andranno in caso i genitori vengano rimpatriati.

Creare pace e speranza
Rubén Ramos, vicepresidente dei Ministeri multilingue dell’Unione Columbia delle chiese cristiane avventiste, ha affermato che gli oltre 40.000 membri nelle chiese multilingue “offrono un contributo essenziale nella missione di Cristo sul nostro territorio”. Ha poi aggiunto che la denominazione deve “portare sicurezza e fede, trasformando le chiese avventiste in centri di speranza”.

Vari pastori lavorano per comunicare alle persone la protezione del Signore. “Vogliamo che i membri trovino speranza nelle mani di Dio”, ha affermato Orlando Rosales, pastore della chiesa avventista spagnola di Baltimora. Nelle predicazioni degli ultimi mesi, Simpson e altri pastori hanno messo l’accento sulla protezione divina e la speranza in Dio. Il risultato è che le persone iniziano a calmarsi.

Le chiese ispaniche hanno organizzato vari incontri con avvocati che si occupano di immigrati per dare consigli e istruzioni su come gestire un incontro con i funzionari dell’immigrazione. Katherine Canto, avvocato a Towson, in Maryland, e membro della chiesa spagnola di Baltimora, ha recentemente tenuto un workshop sull’immigrazione nella sua comunità di fede. “La situazione attuale”, ha spiegato l’avv. Canto, “ha indotto le persone sia a nascondersi di più sia ad agire e a lavorare sul loro status di immigrati”. Incontri di preghiera e sul tema “Conosci i tuoi diritti” sono stati organizzati in varie chiese di Maryland e Washington, eventi che hanno richiamato l’attenzione anche di molti immigrati della zona.

“Paura e incertezza sono aumentati nella comunità immigrata sia tra le panche delle nostre chiese sia per le strade”, ha affermato Anissa Perez-Perla, della chiesa avventista di Silver Spring, nel Maryland, “Conosco persone che hanno già imballato i loro beni nel caso in cui fossero rispediti nei luoghi dove sono nati, posti di cui a volte non sanno nulla perché sono cresciuti negli Stati Uniti”.

 

Condividi questa notizia con i tuoi amici…Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePin on Pinterest