giovedì, agosto 16, 2018
Home > Mondo > Solidarietà a Manchester

Solidarietà a Manchester


I rappresentanti dell’Aidlr riuniti in Germania per un convegno, condannano il recente attacco terroristico in cui hanno perso la vita decine di giovani.

Notizie Avventiste – L’Associazione internazionale per la difesa della libertà religiosa (Aidlr) ha espresso solidarietà e vicinanza al popolo del Regno Unito, duramente colpito da un nuovo attacco terroristico a Manchester. In un comunicato stampa diffuso dal dipartimento Comunicazioni della chiesa cristiana avventista intereuropea (Eud), i rappresentanti Aidlr di 13 paesi (Portogallo, Spagna, Francia, Belgio, Lussemburgo, Germania, Svizzera, Italia, Austria, Repubblica Ceca, Slovacchia, Romania, Bulgaria), riuniti in convegno dal 21 al 23 maggio in Germania, presso l’università avventista di Friedensau, sono rimasti scioccati dopo aver appreso del tragico attentato che ha colpito soprattutto i ragazzi.

“Anche se è avvenuto in un paese diverso e in una città lontana da noi, siamo stati traumatizzati dall’attacco terroristico avvenuto nella tarda serata del 22 maggio, alla fine di un concerto, dove tanti giovani e bambini sono morti e molti sono stati feriti”, si legge nel comunicato, “Condanniamo fermamente questi atti e riteniamo sacra la vita umana sia a Manchester che in qualsiasi altra parte del mondo. Preghiamo ed esprimiamo partecipazione e solidarietà al popolo britannico e a tutte le famiglie colpite. Da questo convegno in cui difendiamo le virtù della libertà religiosa, della libertà di espressione e della libertà di scelta, siamo vicini a quelle vittime e alle loro famiglie che non hanno potuto scegliere e sono state colpite da un atto di inaudita violenza”.

Il documento continua invitando a essere portatori di pace e a intraprendere con fermezza il cammino del dialogo e del rispetto tra le fedi e le culture.

“Crediamo che i cristiani, i musulmani e i fedeli di tutte le religioni dovrebbero essere dei pacificatori. Riteniamo inoltre che il dialogo interreligioso e interculturale, l’istruzione e la formazione in materia di diversità, il rispetto della dignità di ogni persona, la protezione della vita e dei diritti umani, la libertà o le convinzioni religiose, la libertà di espressione e la comprensione tra seguaci delle diverse religioni debbano essere fortemente incoraggiati in ogni parte del mondo, con il sostegno dei diversi soggetti interessati: leader religiosi, diplomatici, politici, studiosi, organizzazioni non governative e media”.

Infine, il comunicato, firmato dal segretario generale dell’Aidlr in Europa, Liviu Olteanu, conclude: “Riconosciamo che sono necessari saggezza e prudenza per non confondere nessuna religione con gli atti di violenza e terrorismo di alcuni estremisti. Preghiamo e siamo vicini e solidali con il popolo del Regno Unito e di Manchester mentre sosteniamo la pace globale. Nel nostro convegno presso l’università di Friedensau, in Germania, abbiamo osservato un minuto di silenzio il 22 maggio, in memoria delle vittime dell’attacco terroristico di Manchester”.