lunedì, giugno 25, 2018
Home > Italia > Gli evangelici incontrano il presidente della Repubblica Sergio Mattarella

Gli evangelici incontrano il presidente della Repubblica Sergio Mattarella


Nella delegazione anche il presidente della Chiesa avventista in Italia.

Notizie Avventiste – Il past. Stefano Paris, presidente dell’Unione Italiana delle Chiese Cristiane Avventiste del 7° Giorno, era nella delegazione di rappresentanti delle chiese membro della Fcei (Federazione delle chiese evangeliche in Italia), della Società Biblica in Italia e di altre chiese evangeliche, ricevuta al Quirinale, lunedì 23 ottobre, dal capo dello Stato, Sergio Mattarella. La visita è avvenuta in occasione dei 500 anni della Riforma protestante che si celebrano il 31 ottobre, data in cui Martin Lutero affisse le sue 95 tesi alla porta della chiesa del castello di Wittenberg, nel 1517.

“Ho trovato un Presidente accogliente che ha mostrato apertura verso tutte le minoranze religiose”, ha commentato il past. Paris, dopo l’incontro.
Da perfetto “padrone di casa”, il Presidente della Repubblica ha ricevuto con una stretta di mano ciascun componente della delegazione, facendo in questo modo percepire quanto il Quirinale sia “la casa di tutti gli italiani”, come ha sovente affermato in diverse occasioni pubbliche.

Una legge sulla libertà religiosa, informa l’agenzia stampa Nev, il rispetto dei diritti dei migranti, l’istituzione di vie di accesso sicure e legali per chi ha titolo per chiedere asilo, pieno riconoscimento degli ‘italiani di fatto’, valorizzazione della interculturalità, assunzione di responsabilità da parte della classe dirigente sono le preoccupazioni espresse a Mattarella dal past. Luca Negro, presidente della Fcei, durante la mezz’ora di udienza, svoltasi in un clima di cordialità.

Il capo dello Stato ha riconosciuto “il forte tasso di impegno sociale” profuso delle chiese evangeliche e ha elogiato il progetto dei “corridoi umanitari”, che la Fcei porta avanti da circa due anni insieme con la Tavola valdese e la Comunità di Sant’Egidio.

Proprio alla vigilia del 28 ottobre, Giornata nazionale per il Cinquecentenario della Riforma protestante, prosegue Nev, arriveranno all’aeroporto di Fiumicino gli ultimi 100 profughi previsti dal protocollo che i promotori dei “corridoi umanitari” hanno firmato con i Ministeri dell’Interno e degli Affari Esteri.

Parlando dell’incontro, il past. Paris ha affermato: “Tra le altre cose, con questa visita si è voluto mostrare la presenza evangelica in Italia e il contributo che i protestanti hanno dato alla diffusione della Bibbia nel nostro Paese”.

Quest’ultimo aspetto è stato evidenziato con un dono. Il Presidente della Repubblica ha ricevuto dalle mani del segretario generale della Società Biblica in Italia, Valdo Bertalot, la traduzione del Nuovo Testamento Bibbia della Riforma. Si tratta di una novità assoluta, da poco pubblicata, che sarà presentata ufficialmente il 28 ottobre, a Roma, nella Giornata per il 500° anniversario della Riforma protestante.

“Il V Centenario della Riforma è un’occasione, oltre che di incontro, di riflessione su tanti temi di rilievo e vi faccio molti auguri per questa ricorrenza”, ha concluso Mattarella.

Nella delegazione erano presenti, oltre al presidente Fcei, al presidente dell’Unione avventista italiana e al segretario generale della Società Biblica in Italia, anche Christiane Groeben, vicepresidente Fcei; Daniele Garrone, moderatore della Commissione studi Fcei; Gian Mario Gillio, responsabile relazioni pubbliche Fcei; Giovanni Arcidiacono, presidente dell’Unione Cristiana Evangelica Battista d’Italia (Ucebi); Eugenio Bernardini, moderatore della Tavola valdese; Heiner A. Bludau, decano della Chiesa evangelica luterana in Italia (Celi); Mirella Manocchio, presidente dell’Opera per le chiese evangeliche metodiste in Italia (Opcemi); Massimo Tursi, tenente colonnello dell’Esercito della Salvezza in Italia; Carmine Napolitano, presidente della Federazione delle chiese evangeliche pentecostali (Fcp)

Leggi qui il discorso integrale del presidente Fcei.

Guarda il video del Quirinale qui.

(Foto: quirinale.it)