Un evento a Mosca per celebrare  i 500 anni della Riforma protestante.

Ann/Notizie Avventiste – Ted N. Wilson, presidente della Chiesa avventista mondiale, ha incoraggiato i leader religiosi e i capi di governo a rispettare i principi della Riforma protestante e a cercare una riforma del cuore guidata da Dio. Mantenendo l’attenzione sulla missione della chiesa, Wilson ha anche evidenziato il cristianesimo pratico e il messaggio dei tre angeli (tema centrale dell’escatologia avventista del 7° giorno) nel suo intervento al forum di Mosca, che ha commemorato il 500° anniversario dell’affissione della 95 tesi da parte di Martin Lutero, sulla porta della chiesa del castello di Wittenberg.

“È un grande privilegio in questo giorno, 500 anni dopo l’inizio della Riforma, in un mondo dove sembrano esserci tanta instabilità e tante sfide, continuare la Riforma nei nostri cuori”, ha dichiarato Wilson in un breve discorso rivolto ai 200 leader riuniti per l’evento “Riforma: 500 anni”, lo scorso 31 ottobre.

Ha poi affermato che la Chiesa avventista è grata per i pilastri della Riforma espressi in alcuni principi particolarmente importanti: solo la Bibbia, la salvezza solo per fede in Gesù, Cristo è l’unico mediatore, la vita eterna solo per la grazia di Gesù, e solo a Dio sia la gloria.

Riferendosi alle parole di Gesù riportate nel Vangelo di Luca 4:18, Wilson ha aggiunto: “La Riforma deve contribuire a rendere pratico il cristianesimo. Predicare il vangelo ai poveri. Guarire i cuori spezzati. Predicare la liberazione ai prigionieri, il recupero della vista ai ciechi e rimettere in libertà gli oppressi. Mentre la Riforma continua, possano questi principi ardere nei nostri cuori e spingerci a realizzarli veramente”.

I leader del governo russo e numerose confessioni religiose si sono riuniti nella Pashkov House, dimora di un nobile del XVIII secolo situata accanto alle mura del Cremlino, per ricordare la Riforma. Tra i 15 relatori che hanno preso la parola ricordiamo anche il vice capo di gabinetto del Cremlino, Sergei Kiriyenko, che ha portato i saluti del presidente Vladimir Putin; un leader della Chiesa luterana russa, che è stato tra i principali organizzatori dell’evento; e l’ambasciatore della Germania in Russia. I vari discorsi sono stati inframezzati da sei canti religiosi, tra cui l’Alleluia di Händel eseguito da un coro avventista.

Michael Kaminsky, presidente della Chiesa avventista in Euro-Asia ha espresso compiacimento e meraviglia nel vedere che i rappresentanti delle Chiese ortodossa russa e cattolica romana e quelli di fede islamica si erano uniti ai protestanti nel sostenere la Bibbia. “È stato interessante vedere persone provenienti da diverse tradizioni trovare qualcosa in comune”, ha affermato in un’intervista, “Ognuno ha parlato dell’importanza della parola di Dio”.

(Foto Roman Geiker, Euro-Asia Division)

Condividi questa notizia con i tuoi amici…Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePin on Pinterest