domenica, gennaio 21, 2018
Home > Italia > Premio nazionale Maranatà. Vince la poesia dedicata a Reyhaneh Jabbari

Premio nazionale Maranatà. Vince la poesia dedicata a Reyhaneh Jabbari

IMG_5865Denunciano violenza e ingiustizia, e parlano di speranza anche i versi al primo posto nella sezione Giovani. Focus sulla solidarietà durante la cerimonia di premiazione del 24 maggio a Gravina in Puglia.

Notizie Avventiste/Silvia Magistà – “Quando nel cuore voi mi avrete uccisa” è la poesia vincitrice della IX Edizione del Premio nazionale di poesia Maranatà, per la sezione A-Adulti. L’autrice, Rosanna Spina, ha voluto ricordare Reyhaneh Jabbari, la ragazza iraniana che uccise per legittima difesa l’uomo che tentò di stuprarla quando aveva 19 anni, e che lo scorso ottobre è stata giustiziata, nonostante il mondo si fosse mobilitato per lei. Se avesse negato il tentativo di stupro (come la famiglia dello stupratore aveva chiesto) sarebbe stata risparmiata, ma Reyhaneh aveva scelto di dire la verità, ed è stata impiccata, a soli 26 anni.

IMG_5864La poesia diventa così strumento di denuncia per smuovere le coscienze su temi tristemente attuali, ma lascia anche spazio alla speranza che qualcosa possa cambiare, a quel seme che possa germogliare in “una nuova umanità”.

Parla di guerra, di odio e di non voler mai più vedere “quest’inferno terreno” la poesia di Carla Palma, dal titolo “Mi sembra”, al primo posto nella sezione B-Giovani.

Davvero intenso e profondo il livello degli elaborati pervenuti e poi ascoltati dall’uditorio, domenica 24 maggio, che hanno creato un’atmosfera d’intensa riflessione per quest’arte spesso trascurata e che invece apre un mondo di cultura sensibile e attenta all’altro.

E si respirava sensibilità, presso la sala Convegni “Officine Culturali” di Gravina in Puglia (BA), alla premiazione del concorso, organizzato dalla tenace poetessa Mina Antonelli e patrocinato, dal 2015, dall’Associazione “Bimbo Aquilone” Onlus. Questa bella e nuova collaborazione ha permesso anche di mostrare all’uditorio i progetti di adozione a distanza in Rwanda e in Brasile.

“È stato importante unire la poesia alle attività solidali dell’Associazione per i bambini che vivono in situazioni difficili”, ha affermato M. Antonelli, già vincitrice del premio mondiale di poesia “Nosside” 2014.

Alla cerimonia, condotta da Antonietta Fantasia, presidente di Bimbo Aquilone onlus, erano presenti i poeti premiati, scelti fra i circa 200 partecipanti da tutta Italia e qualcuno dall’estero (Francia, Svizzera e Belgio).

IMG_5866Presente anche Valentina Marciano, direttrice di ADRA Italia, l’Agenzia per lo Sviluppo e il Soccorso della Chiesa Cristiana Avventista del Settimo Giorno, che ha illustrato le attività umanitarie in corso, tra cui il progetto “One cup of milk” in Rwanda, in collaborazione con Bimbo Aquilone onlus.

Il canto “Over the Rainbow”, eseguito da Giada Marciano, ha creato la giusta atmosfera per l’ascolto delle opere premiate dalla giuria, presieduta dalla prof.ssa Santa Abiusi, lette con grande intensità e slancio da Elisa Civardi.

Nel clima di solidarietà che ha caratterizzato la serata, è stata consegnata una targa all’Associazione “Ruotaabile”, per l’impegno a favore delle persone colpite da malattie neurovegetative.

Per leggere le poesie premiate e il verbale della giuria, cliccare qui.