mercoledì, agosto 15, 2018
Home > Italia > Merate. Conferenze sull’origine delle civiltà e l’archeologia biblica

Merate. Conferenze sull’origine delle civiltà e l’archeologia biblica

Notizie Avventiste – Merate, in provincia di Lecco, ospita una serie di appuntamenti sul tema “Dove Comincia il cielo”. Nel prossimo fine settimana, il relatore, Luigi Caratelli, terrà due conferenze nella Sala civica “Fratelli Cernuschi”, in viale Lombardia 14.

Venerdì 9 marzo, alle ore 20.30, si terrà il primo incontro sull’origine delle civiltà. Da dove provengono le civiltà che hanno segnato i secoli? Da un solo punto geografico, dicono quasi tutti i ricercatori moderni: l’Armenia e il Kurdistan, cioè nella Turchia centro meridionale. L’Egitto, i Sumeri, gli Ittiti hanno tutti avuto un’origine e degli antenati comuni.

“Questo significa una sola cosa” afferma L. Caratelli “l’origine delle civiltà che noi conosciamo si colloca esattamente nel punto geografico dove, secondo la Bibbia, approda l’arca di Noè e dove viene progettata la torre di Babele. Inoltre, le scoperte sono importanti per un altro fatto: smentiscono tutte le ipotesi dell’evoluzionismo”.

Sabato 10 marzo, alle ore 17.00, il secondo incontro avrà come tema “Esodo biblico e prove archeologiche”.

“Sorprenderà sapere” spiega il relatore “che le moderne scoperte hanno ridisegnato la mappa dell’esodo degli israeliti in fuga dall’Egitto. Perfino l’ubicazione del monte Sinai, sul quale Dio ha proclamato i dieci comandamenti, ha trovato la sua originaria ubicazione. Anche in questo caso le giuste coordinate sono state tracciate dalla Bibbia, e la prova inoppugnabile è stata la scoperta dei resti dell’esercito egiziano in fondo al Mar Rosso”.

Domenica 11 marzo, alle ore 17.00, l’appuntamento è presso il Centro polifunzionale cristiano di Olgiate Molgora (LC), in via Stazione 30. Si parlerà del “Mistero di Orione: se Nostradamus avesse letto la Bibbia lo avrebbe risolto”.

“Nostradamus ha prodotto una grande quantità di vaticini”, conclude L. Caratelli “I suoi interpreti hanno proclamato fatti ed eventi che non si sono mai realizzati. Per esempio i disastri annunciati per il 1999. Se il veggente avesse studiato la Bibbia non avrebbe commesso errori imperdonabili. Soprattutto, avrebbe capito quale profondo mistero nasconde Orione, un mistero che riguarda proprio i nostri tempi”.

L’ingresso alle conferenze è libero.