domenica, maggio 27, 2018
Home > Italia > La radio e le sfide in un mondo in continuo cambiamento

La radio e le sfide in un mondo in continuo cambiamento

Si è tenuto a Poppi (AR) il convegno nazionale delle emittenti di Radio Voce della Speranza

rvs-formazione-2016-9

Alessia Calvagno/Notizie Avventiste – “Hai ascoltato ieri la diretta delle 10.00 alla radio?”. Fino a poco tempo fa ci rivolgevamo così ad amici e conoscenti. Oggi potremmo anche dire: “Hai visto ieri la diretta delle 10.00 alla radio?”. Questo medium, prima solo sonoro, si è infatti evoluto e si muove continuamente verso nuovi lidi.

rvs-formazione-2016-5La radio, ancora una volta, ha dimostrato di avere la capacità di cambiare pelle: ha fatto proprie le nuove tecnologie, coinvolgendo ancora di più l’utente e rendendolo protagonista attraverso un’esperienza di tipo interattivo. La radio, insomma, viaggia sulle onde dell’etere, ma anche su quelle del web e in particolare dei social network. Si serve di linguaggi alfabetici, dell’oralità, di immagini fisse e in movimento. Comunica con gli utenti a 360 gradi, così come a 360 gradi sono le foto e i video che si possono realizzare in studio (o altrove) con i dispositivi di ultima generazione, in modo da rendere più completa l’esperienza radiofonica.

A Poppi (AR), dal 14 al 16 ottobre 2016, le radio avventiste italiane si sono riunite per riflettere sulle nuove rvs-formazione-2016-7possibilità di questo straordinario mezzo di comunicazione. Con Daryl Gungadoo, ingegnere elettronico e acustico, responsabile per la ricerca e lo sviluppo di Adventist World Radio, abbiamo esplorato le caratteristiche della Radio 2.0. Grazie alle nuove tecnologie, l’amore di Gesù può essere condiviso in maniera ancora più efficace e arrivare dritto al cuore di coloro che entreranno in contatto con le nostre emittenti.

D. Gungadoo, che ha conseguito un master in antropologia culturale, ci ha inoltre emozionati con il racconto di un viaggio molto particolare: ha vestito i panni di un profugo che da Aleppo arriva fino a Monaco. Un viaggio di circa 2.000rvs-formazione-2016-1 chilometri, percorsi prevalentemente a piedi; un viaggio durato tre mesi, che è ancora vivo nel suo cuore. Grazie a quello che ha potuto appurare e documentare durante questo lungo percorso, è stato possibile progettare degli aiuti che rispondano alle necessità reali dei profughi. Adventist Help, ADRA e Adventist World Radio sono in azione su vari fronti per accogliere al meglio queste persone in Europa.

Non sono mancate, inoltre, occasioni per meditare sulla Parola. Alla luce di alcuni testi biblici, abbiamo riflettuto sulle strategie di comunicazione più efficaci. Ci siamo inoltre soffermati sulla vocazione di diversi uomini della Bibbia e di conseguenza sulla chiamata che Dio ha rivolto a coloro che ogni giorno si impegnano con entusiasmo e amore perché le radio rvs-formazione-2016-10avventiste possano funzionare al meglio.

Enzo Annunziata, direttore del Dipartimento Comunicazioni dell’Unione Italiana delle Chiese Cristiane Avventiste, e il pastore Daniele Benini, direttore del network nazionale RVS, hanno poi guidato i presenti in alcuni momenti dedicati a esercitazioni pratiche di gruppo, volte alla realizzazione di varie tipologie di programmi.

La radio è uno strumento ricco di potenzialità. Siamo sicuri che il Signore opererà in maniera straordinaria attraverso questo mezzo!

 

rvs-formazione-2016-8

(Foto: Vincenzo Catanzaro)