Utilizzato solo per progetti sociali e assistenziali, in Italia sostiene 6.000 famiglie povere ogni mese, assiste i senzatetto, si occupa degli emarginati e delle vittime delle dipendenze. All’estero ha costruito case, strade, scuole, orfanotrofi, ospedali.

Ufficio fundraising avventista/Notizie Avventiste – È tempo di dichiarazione dei redditi e anche quest’anno i contribuenti sono chiamati a scegliere a chi destinare l’8xmille.

La Chiesa Cristiana Avventista del Settimo Giorno, grazie ai fondi dell’8xmille, ha realizzato e continua a portare avanti numerosi progetti sociali e sulla salute, in Italia e all’estero, dando così risposte concrete ai bisogni che emergono dai territori.

“Neanche 1 euro viene utilizzato per finalità di religione o di culto, perché riteniamo che queste ultime debbano essere finanziate solo dai propri fedeli e non dallo Stato”, affermano dall’ufficio 8xmille della Chiesa.

“Grazie alle firme dei nostri sostenitori”, continuano, “ogni anno realizziamo numerosi progetti in ambito culturale, umanitario, sociale e assistenziale, quali ad esempio la distribuzione alimentare, che ogni mese sostiene 6.000 famiglie; l’assistenza ai senzatetto, che ogni settimana porta tepore a centinaia di persone che vivono in situazioni di disagio; il progetto Pranzassieme, che da anni contrasta l’isolamento degli anziani attraverso la condivisione di un pasto e quattro chiacchiere in compagnia”.

Quest’anno poi, tra i vari progetti sostenuti dall’8xmille della Chiesa cristiana avventista si inserisce “Solo se puoi”, una campagna di sensibilizzazione sull’uso responsabile del denaro, per far riflettere su temi quali il sovraindebitamento, il gioco d’azzardo e il rischio di usura.

Per avere informazioni dettagliate sull’utilizzo dei fondi e approfondire i progetti realizzati visita il sito http://www.ottopermilleavventisti.it

“Aiutaci a fare di più. Dona il tuo 8xmille alla Chiesa cristiana avventista. Una firma che a te non costa nulla, ma per noi vale moltissimo”.

 

Condividi questa notizia con i tuoi amici…Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePin on Pinterest