sabato, dicembre 16, 2017
Home > Italia > Il governo impugna la “legge antimoschee” del Veneto

Il governo impugna la “legge antimoschee” del Veneto

Wikipedia-moschea-RomaNotizie Avventiste – Contro la legge antimoschee del Veneto, il governo ricorrerà alla Corte Costituzionale. Lo ha annunciato l’on. Luigi Lacquaniti (PD), che ha sostenuto l’iniziativa della European Federation for Freedom of Belief (FOB), una petizione che ha raccolto 1.197 firme in poco più d’un mese.

Nella petizione, FOB chiedeva appunto al governo d’impugnare la legge antimoschee veneta, affermando che viola la Costituzione e la libertà di culto di tutte le minoranze religiose. La Consulta si era già pronunciata nel merito della normativa analoga varata in Lombardia, sancendone la manifesta incostituzionalità.

Nel suo comunicato stampa, l’on Lacquaniti afferma: “Siamo certi che la Corte, così come accaduto con l’analoga legge della Lombardia, certificherà l’incostituzionalità della legge del Veneto. La libertà religiosa e il diritto di esercitarla in luoghi appropriati di culto è scritta nella nostra Costituzione. Non si può cancellare con una legge regionale”.

FOB ringrazia “la comunità evangelica e avventista per il supporto alla petizione, nella certezza che la Corte Costituzionale confermerà, per la seconda volta, l’incompatibilità di queste iniziative legislative con i principi che tutelano i diritti fondamentali dei cittadini italiani”.

Per conoscere meglio FOB, scarica il depliant.

(Foto: la grande moschea di Roma; Wikipedia)