sabato, dicembre 16, 2017
Home > Italia > Freddo nelle zone terremotate. Un aiuto dalle chiese avventiste di Cesena e Jesi

Freddo nelle zone terremotate. Un aiuto dalle chiese avventiste di Cesena e Jesi


I volontari dedicano una giornata a spalare la neve. Intanto, nel resto d’Italia, continua l’assistenza ai senzatetto.

Notizie Avventiste – La solidarietà ha cuore e braccia forti. Di questo era equipaggiato il gruppo di volontari delle comunità avventiste di Cesena e Jesi, che domenica 15 gennaio si è recato nelle aree terremotate per dare una mano a spalare la neve.

“Abbiamo trascorso un giornata nella zona colpita dal sisma per aiutare chi era in difficoltà dopo le fortissime nevicate che hanno messo definitivamente in ginocchio la popolazione già duramente provata da 6 mesi di scosse continue e distruttive”, ha affermato Monia Ciccarelli, della chiesa cristiana avventista di Jesi.

“Grazie ai contatti stabiliti e alle attività svolte fino ad ora”, ha aggiunto, “abbiamo avuto la possibilità di contattare direttamente il sindaco del piccolo paese di Montecavallo, che con gioia ci ha accolti e offerto un lauto pasto in seguito al lavoro svolto. Prossimamente, il paesino sarà ‘adottato’ dai coordinamenti ADRA di Cesena e Jesi, e i volontari si occuperanno, per quanto possibile, di portare soccorso nel tempo”.

              

Emergenza freddo
Intanto, dal nord al sud dell’Italia, l’agenzia umanitaria avventista e i membri di chiesa assistono i senzatetto in questi rigidi mesi invernali. L’operazione emergenza freddo è iniziata già da diverse settimane in numerose città.

Un gruppo della chiesa di Bovisio ha portato coperte, sciarpe, guanti e cappelli ai senza fissa dimora che dormono nel centro di Milano.

A Torino, sabato 21 gennaio, 15 volontari di ADRA, hanno distribuito generi di conforto ai senzatetto che affollavano gli eleganti portici del centro. Nel freddo pungente della sera hanno distribuito bevande calde, pacchi di alimenti, indumenti pesanti, sorrisi e parole amichevoli. Il servizio continuerà per tutta la stagione fredda.

A Napoli, i volontari di ADRA e della comunità avventista si incontrano nei locali della chiesa per raccogliere alimenti, coperte e indumenti, e poi uscire a distribuirli alle persone che vivono per le strade della città. Una responsabile ha detto: “I volontari sono riusciti a instaurare un dialogo con loro. Anche di questo hanno bisogno, oltre alle coperte e a un pasto caldo”.

A Catania, i giovani avventisti, con il sostegno di ADRA, si prendono cura di 30 senzatetto. Tutti i lunedì distribuiscono pasti, bevande, generi alimentari e non solo.

Alcune persone hanno una casa, ma la pensione bassissima permette loro di pagare solo le spese, e poi non hanno i soldi per mangiare. I volontari avventisti raccolgono anche indumenti e scarpe che vengono confezioni in anticipo, in buste con su scritto il nome delle persone cui sono destinate. I giovani hanno creato un rapporto di amicizia con gli assistiti. A gennaio, li hanno invitati tutti a una cena organizzata in chiesa e a ognuno hanno regalato una coperta nuova e un piccolo vangelo.