Il 7 aprile l’OMS dedica la Giornata mondiale della salute al “male del secolo”.

Notizie Avventiste – Questo 7 aprile, l’organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) dedica la Giornata mondiale della salute alla depressione, definito il male del secolo. Con il tema “Depressione, parliamone”, l’OMS continua la campagna sulla salute mentale lanciata a ottobre 2016. Secondo i dati raccolti, la depressione colpisce più di 300 milioni di persone in tutto il mondo e può verificarsi in individui di qualsiasi età, sesso, stato sociale e paese.

Spesso le malattie mentali, tra cui la depressione, non sono ben comprese, vengono stigmatizzate e portano le persone che ne soffrono a non cercare aiuto. Un modo per combattere lo stigma della depressione è parlarne. Pertanto, l’obiettivo di questa campagna è che un numero crescente di persone affette da depressione, in tutti i paesi, chiedano e ottengano aiuto.

La Chiesa cristiana avventista mondiale vuole unirsi a questa iniziativa e sostenerla nella diffusione delle corrette informazioni e nell’aiutare le persone a essere consapevoli che la depressione è una malattia come le altre e va curata.

La chiesa, in quanto comunità, può essere utile alle persone che soffrono di depressione con la disposizione all’ascolto, l’offerta di supporto senza giudicare e l’incoraggiamento a cercare aiuto. Chi conosce qualcuno che soffre di depressione, lo può aiutare:
– Non lasciandolo solo, facendogli visita, chiamandolo al telefono, ecc. Un’amicizia leale è cruciale.
– Ascoltandolo con partecipazione, evitando qualsiasi commento che contraddica i suoi sentimenti. Evitare il confronto perché ogni esperienza è unica.
– Mostrando saggezza nel dare i consigli. Le persone che soffrono di depressione ne sono spesso pienamente coscienti e vogliono che la loro vita sia diversa.
– Invitandolo a fare attività salutari come passeggiare e altri esercizi aerobici.
– Pregando per lui (o lei) e con lui (o lei), se lo desidera.
– Offrendo aiuto nei lavori domestici o in cucina.
– Incoraggiandolo a cercare l’aiuto di un professionista.
– Mostrando pazienza. Il processo di guarigione dalla depressione può essere lento.

Anche nel buio assoluto, c’è speranza!

(Fonte: Chiesa cristiana avventista di Spagna e Svizzera)

Condividi questa notizia con i tuoi amici…Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePin on Pinterest