giovedì, dicembre 14, 2017
Home > Mondo > Continuano gli aiuti alle famiglie dei Caraibi colpite dagli uragani di inizio autunno

Continuano gli aiuti alle famiglie dei Caraibi colpite dagli uragani di inizio autunno

A Saint Croix gli avventisti coordinano i servizi di assistenza psicologica.

Notizie Avventiste – Centinaia di kit di pulizia sono stati inviati nelle isole colpite dagli uragani nei Caraibi, in questa settimana, grazie alle donazioni arrivate a Miami dalle organizzazioni umanitarie avventiste della Pennsylvania e del Maryland. Circa 1.615 secchi pieni di disinfettanti e prodotti per la pulizia raggiungeranno Saint Thomas per essere distribuiti ad Anguilla, Tortola e Saint John, così come a Dominica e Antigua per i residenti di Barbuda, affermano dalla Regione interamericana (Iad) della Chiesa avventista.

“Siamo felici di aver ricevuto il sostegno e la collaborazione dei nostri fratelli”, ha affermato James Daniel, vicepresidente della Iad, “I disastri sono stati così diffusi che molti sono ancora nella fase di pulizia delle loro case e comunità. Perciò questi prodotti saranno una vera benedizione per tutti”.

Molti residenti sanno che il tempo per ritornare alla normalità e ricostruire le proprie esistenze sarà parecchio lungo. Nell’isola di Antigua, dove sono stati ospitati tutti gli abitanti della vicina Barbuda, i membri di chiesa si concentrano sulle benedizioni ricevute. Barbuda è stata dichiarata inabitabile dopo la devastazione causata dall’uragano Irma lo scorso settembre. “Sono grati di essere vivi e continuano ad aggrapparsi alle verità bibliche”, ha spiegato Daniel, che ha parlato a centinaia di avventisti in una chiesa di Antigua.

Nella sua predicazione ha sottolineato la potenza della parola di Dio e il Cinquecentenario della Riforma protestante. “Dio ha usato i riformatori per rendere la Bibbia accessibile a tutti”, ha detto, “Tramite la Scrittura, non importa quali difficoltà affrontiamo, siamo certi che Dio non ci ha abbandonato né ci abbandonerà mai, perché è con noi”.

La Regione interamericana della Chiesa avvierà presto la terza fase del suo piano per risistemare chiese, scuole e proprietà. Ha già inviato fondi e aiuti nelle zone colpite e Adra (Agenzia Avventista per lo Sviluppo e il Soccorso) assiste decine di comunità.


Intanto a Saint Croix, gli avventisti offrono anche counseling a membri di chiesa e residenti che cercano di riprendersi dalla devastazione degli uragani Irma e Maria. Un’equipe del CW Educational and Behavioral Center, con sede ad Atlanta, negli Stati Uniti, ha visitato diverse chiese e comunità dell’isola e ha offerto assistenza psicologica gratuita alle persone, per aiutarle a gestire la loro vita dopo gli eventi traumatici avvenuti dal 22 al 29 ottobre.

“Trovarsi in mezzo a un disastro provoca diversi traumi e tutti abbiamo sperimentato un certo livello di angoscia al passaggio di Irma e Maria che hanno completamente spazzato le isole”, ha affermato Desmond James, presidente della Chiesa avventista nei Caraibi settentrionali.

Per questo è importante non solo occuparsi della ricostruzione, ma anche della situazione psicologica dei membri di chiesa e dei residenti. “Con il passagio degli uragani, gli abitanti hanno provato un miscuglio di emozioni, come tristezza, senso di colpa, ansia, solitudine, inutilità, stanchezza, impotenza, incredulità, intorpidimento e rabbia”, ha spiegato Vincentia Paul Constantin, direttore del CW Educational and Behavioral Center.

Constantin ha guidato le persone a identificare i segni di una sofferenza malsana, tra cui evitare ed escludere amici e familiari, o avere sentimenti prolungati sull’inutilità della vita. Ha esortato i residenti avventisti a cercare occasioni per dimostrare l’amore di Dio a persone la cui vita è stata toccata da questa tragedia.

“Abbiate la certezza che Dio non vi ha abbandonato” ha affermato Jessica Whyte, direttore associato del CW Center. Ha quindi chiesto a tutti i cittadini di “cercare quelli che hanno bisogno di una parola di incoraggiamento, di una preghiera fervida, di avere qualcuno disposto ad ascoltarli e far sentire che ci sono persone che ancora tengono a loro”. J. Whyte ha spiegato che se non si affrontano le esperienze, con il passare del tempo possono produrre malattie mentali croniche, depressione, ansia e disturbi del comportamento.

I servizi di assistenza psicologica nelle crisi saranno estesi anche agli abitanti delle isole Saint Thomas e Saint Maarten.